17:53 16 Aprile 2021
Politica
URL abbreviato
241
Seguici su

Le sanzioni di Washington nei confronti Ankara legate all'acquisto di sistemi di difesa aerea russi S-400 sono incompatibili con le loro relazioni di alleanza ed è un attacco alla sovranità della Turchia, ha affermato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni all'uomo a capo delle industrie della difesa turca (SSB) Ismail Demir, nonché ad altri tre individui "per connessioni con la Russia", ha riferito il dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha affermato che gli Stati Uniti applicheranno a forza piena le sanzioni ai sensi del CAATSA (la legge sul "Contrasto agli avversari dell'America attraverso sanzioni") per la cooperazione di paesi terzi con il settore della difesa russo.

Il presidente della Turchia Recep Erdogan ha reagito duramente alla presa di posizione statunitense:

"Ieri l'UE ha minacciato di imporre sanzioni contro di noi, poi gli Stati Uniti... Fino ad oggi, il CAATSA non è stato applicato a nessuno tra i paesi della NATO tranne noi. Che tipo di alleanza è? Qual'è stato il motivo? La Turchia ha acquistato gli S-400 dalla Federazione Russa. Ma la Turchia non vi ha chiesto sistemi di difesa aerea? Questa decisione è un attacco alla nostra sovranità, uno strumento di pressione su noi", ha affermato Erdogan in un suo intervento ad Ankara.

Il capo di Stato ha osservato che la Turchia ha più volte proposto agli Stati Uniti di creare un gruppo di lavoro per risolvere le contraddizioni sulla questione S-400.

"In seguito alla decisione di ieri, d’ora in poi lavoreremo ancora più duramente per aumentare la nostra produzione nel settore della difesa. Da tempo abbiamo superato il giorno in cui questo tipo di sanzioni ci frenavano", ha aggiunto.
La fornitura di S-400 alla Turchia

Le consegne dei sistemi di difesa aerea dell'ultima generazione russi S-400, che hanno portato ad una crisi nelle relazioni tra la Turchia e gli Stati Uniti, sono state avviate a luglio 2019.

Washington ha chiesto ad Ankara di rinunciare all'accordo e di acquistare i sistemi americani Patriot, minacciando di ritardare o addirittura annullare la vendita dei caccia F-35 alla Turchia, nonché d'imporre sanzioni in conformità con il CAATSA. Ankara ha rifiutato di fare concessioni e ha continuato i negoziati su un lotto aggiuntivo di S-400.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook