18:55 27 Gennaio 2021
Politica
URL abbreviato
256
Seguici su

Giuseppe Conte getta acqua sul fuoco a proposito della Task Force che dovrebbe gestire i progetti del Recovery plan. Non si tratterà di una sovrastruttura che aggirerà i Ministeri.

Il Governo lavora per definire “la struttura e il monitoraggio per l’attuazione” del piano di ricostruzione dell’Italia, il quale “potrà avvalersi anche di un quadro normativo ad hoc. Questa struttura in nessun caso sarà sovraordinata o sovrapposta ai doverosi passaggi istituzionali”, dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte partecipando al Rome Investment Forum.

Un ulteriore chiarimento pubblico, quello di Conte, sulle intenzioni del Governo per lo sfruttamento dei 209 miliardi di euro che arriveranno in Italia nei prossimi anni e a seguito della presentazione del Recovery plan alla Commissione Europea.

Conte precisa che “molti dei progetti del piano avranno successo solo innescando sinergie tra pubblico e privato”. Con queste parole prova a tranquillizzare chi nella maggioranza teme che l’intenzione sia quella di creare un sistema parallelo alle responsabilità dei Ministeri, per demandare a questa sovrastruttura la gestione dei 209 miliardi di euro nei prossimi anni.

In particolare Matteo Renzi e gli esponenti del suo partito, Italia Viva, avevano anche minacciato di aprire una crisi di governo facendo dimettere i suoi ministri.

Quando arriveranno i fondi del Recovery Fund

Paolo Gentiloni, Commissario UE agli Affari economici, fa sapere che il prefinanziamento del 10%, pari a circa 20 miliardi di euro, giungeranno in Italia non prima della tarda primavera o dell’estate del 2021.

Questa la novità presentata al Rome Investment Forum 2020 da Paolo Gentiloni, come riportato dall’Ansa.

Gentiloni rende anche noto che si vorrebbe aumentare quel 10%, ma che su questo si deve pronunciare il Parlamento europeo e lo farà a breve.

Per quanto riguarda i ritardi Gentiloni ammette che si era verificato un leggero “ritardo per l’approvazione finale ma ora abbiamo ricevuto una bozza di progetto dagli Stati membri e a gennaio sono sicuro che riceveremo da ogni Stato membro la bozza e poi la versione definitiva”.

Tags:
Giuseppe Conte
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook