17:57 27 Gennaio 2021
Politica
URL abbreviato
0 21
Seguici su

La fine del governo Conte non vuol dire necessariamente il ritorno alle urne. Lo lascia intendere la capogruppo di Italia viva in un'intervista a La Stampa.

Se il governo Conte dovesse cadere, "il presidente Mattarella saprebbe gestire con saggezza anche questa fase, potendo contare sul senso di responsabilità di tutti". Lo ha detto la capogruppo di Italia viva alla Camera, Maria Elena Boschi, in un'intervista a La Stampa, lasciando intendere che potrebbe esistere un'alternativa alle urne in caso di crisi di governo. 

"Tanto non accadrà", si affretta ad aggiungere per non sbilanciarsi sulla tenuta dell'esecutivo. 

L'intesa raggiunta ieri dopo giorni di fibrillazione, consente una tregua al governo, ma la partita con Italia viva sulla governance del Recovery Fund non è chiusa. 

Il premier mangerà il panettone a Palazzo Chigi, ma ci sarà per la colomba di Pasqua? "Mi preoccupano di più le famiglie italiane che quest’anno passeranno il primo Natale senza i loro cari portati via dal covid. O i medici e gli infermieri che passeranno il giorno di Natale in corsia", replica sibillinamente la Boschi.  

"Non vogliamo aprire nessuna crisi ma chiediamo un cambio di passo e che si rispettino le istituzioni", sottolinea. 

Il pomo della discordia è la task force di manager a cui Conte vuole assegnare la governance del Recovery Fund. Per Italia viva l'errore di Conte è quello "di voler sostituire voler sostituire le istituzioni democratiche con i team di tecnici. Non si commissariano ministri con super managers, magari anche con possibili conflitti di interessi", spiega la Boschi. 

"Soprattutto vorremmo che come spendere 200 miliardi di euro venisse deciso insieme al parlamento, visto che stiamo ipotecando il futuro dei nostri figli", aggiunge. "Noi abbiamo velocizzato - precisa - ma senza stravolgere le istituzioni. Non abbiamo mai commissariato ministri". 

Italia viva ha posto la firma sulla risoluzione di maggioranza solo dopo la comunicazione del premier alla camera, dove non è stato fatto cenno all'intenzione dell'Italia di non attingere ai fondi del Mes. Un voto a un "documento pro-Europa e a favore del nostro Paese", sottolinea l'ex ministro delle Riforme, con una linea europeista sostenuta da Italia viva. Sul Mes sanitario la Boschi ha ribadito la necessità che l'Italia faccia richiesta per affrontare le spese per gli ospedali.

Tags:
Sergio Mattarella, Giuseppe Conte, Italia Viva, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook