01:14 17 Gennaio 2021
Politica
URL abbreviato
0 02
Seguici su

Il gruppo dei Verdi ha dato l'ok per l'ingresso ai quattro eurodeputati che lo scorso 3 dicembre hanno annunciato di lasciare il movimento per aver tradito i suoi valori e i suoi obiettivi.

Piernicola Pedicini, Rosa D’Amato, Ignazio Corrao e Eleonora Evi siederanno in parlamento europeo nei banchi del gruppo dei Verdi. Il loro ingresso tra le fila del partito ambientalista è stato accolto per acclamazione con un annuncio ufficiale sui social. I quattro eurodeputati, da tempo in contrasto con la linea politica, hanno annunciato l'abbandono del M5S lo scorso giovedì 3 dicembre. 

"Oggi il nostro gruppo si allarga! 4 nuovi europarlamentari italiani si sono uniti al gruppo dei verdi europei. Benvenuto a Eleonora Evi, Ignazio Corrao, Rosa D'Amato e Piernicola Pedicini. Non vediamo l'ora di lavorare con voi sulla giustizia sociale, i diritti umani e le politiche del clima!", si legge nel comunicato ufficiale di ammissione al gruppo.

​Il passaggio ai verdi dei quattro europarlamentari eletti con il M5S e considerati vicini ad Alessandro Di Battista, non sposta gli equilibri interni al parlamento europeo ma attesta la crisi politica del movimento. Lo scorso giovedì, infatti, gli ex esponenti grillini hanno annunciato con dei lunghi comunicati coordinati sui rispettivi profili Facebook l'addio al M5S, colpevole di aver mutato la propria natura e aver tradito non solo i principi fondativi, le battaglie per l'ambiente e in Europa, ma anche di aver accentrato la decisioni nella figura dei capi politici.

Il voto sul Mes è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, ma il dissenso continuava da tempo, già in occasione del voto per la Politica Agricola Comunitaria (PAC) della scorsa estate, su cui i 4 europarlamentari avevano votato assieme ai verdi, contro le politiche sugli ogm contenuti nel piano.

In precedenza Pedicini, Corrao e D'Amato, erano stati sospesi per aver votato contro il pacchetto Ue anticrisi, perché comprendeva il Mes.

Tags:
MES, M5S, Bruxelles, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook