01:43 18 Aprile 2021
Politica
URL abbreviato
249
Seguici su

Il premier ha sottolineato il ruolo dell'Italia per una riforma del Mes mirata a una modifica radicale volta a superare la linea dell'austerity sul modello del Recovery Fund.

Aula quasi al completo a Montecitorio per le comunicazioni del premier Conte in vista del prossimo Consiglio europeo in cui si discuterà la riforma del Meccanismo europeo di stabilità (Mes). Conte ha chiesto coesione alle forze di maggioranza per portare in Europa una battaglia per superare la linea dell'austeriry, a partire dal Mes. Il modello da seguire dovrà essere quello del Recovery Plan. 

Superare l'austerity

"Sta cambiando la fisionomia dell'Unione europea, siamo determinati affinché la nuova Europa superi l'approccio angusto dell'austerità", ha detto il premier. "L'Italia si farà promotrice di una proposta innovatrice per integrare il nuovo Mes nell'intera architettura europea", prosegue Conte, sottolineando come il governo abbia "bisogno anche della massima coesione delle forze di maggioranza per continuare a battersi in Ue. Il confronto dialettico - continua - è segno di vitalità e ricchezza ma è senz'altro salutare che sia fatto con spirito costruttivo e che non ci distragga dagli obiettivi". "Il modello a cui ispirarsi - precisa - lo abbiamo già adottato, è il Next Geeneration Eu".

Il premier ha evidenziato che il Backstop comune, contenuto nella riforma del Mes e obiettivo cardine per l'Italia, verrà introdotto nel 2022 con due anni di anticipo grazie al contributo italiano nell'Eurogruppo. 

Nelle comunicazioni alle camere, Conte rinvia al parlamento la responsabilità della ratifica del trattato. "Resta la responsabilità delle Camere sulla ratifica", afferma. 

MESSAGGIO ALLE OPPOSIZIONI

Il premier apre al centrodestra per un confronto sulle decisioni:

"Spesso ho rivolto appello all'opposizione e in alcuni passaggi ho trovato ascolto. Il tavolo del confronto rimane sempre aperto", ha detto.

Recovery plan

Sul piano europeo di aiuti, il premier mette fretta:

"I cittadini dei 27 Stati membri" dell'Ue "non perdonerebbero un segnale che contraddica lo storico accordo raggiunto sull'adozione di strumenti per la ripresa sociale ed economica", ha affermato il premier. 

Il riferimento è allo stallo determinato dal veto di Ungheria e Polonia sul Recovery Plan e sul Quadro finanziario pluriennale (QFP), per la contrarietà al meccanismo dello stato di diritto. 

La presidente della Commissione Ue ha intenzione di andare avanti con un formato a 25, per aggirare lo stop degli Stati "dissidenti". 

L'appello di Conte sembra andare a sostegno della Von Der Leyen in favore di un "tempestivo avvio di Next generation Eu".

I parlamentari di Italia viva, dopo la relazione del premier alla Camera, hanno firmato la risoluzione di maggioranza sulla riforma del Mes. 

Tags:
Giuseppe Conte, MES, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook