17:29 19 Gennaio 2021
Politica
URL abbreviato
125
Seguici su

Secondo quanto riferito, il premier polacco Morawiecki avrebbe avvertito la cancelliera tedesca Angela Merkel di essere pronto a porre il veto sul bilancio della Ue. La scorsa settimana proprio la Polonia e l'Ungheria avevano posto il veto al bilancio settennale da 2,1 trilioni di dollari e al Recovery Fund per la ripresa dopo la pandemia di Covid.

Il premier polacco Mateusz Morawiecki avrebbe confermato alla cancelliera tedesca Angela Merkel la prontezza di Varsavia a porre il veto al nuovo bilancio dell'Unione Europea, riporta l'agenzia di stampa statale polacca PAP.

La Polonia si aspetta ulteriori negoziati per trovare una soluzione che garantisca i diritti di tutti gli Stati membri e rispetti le procedure dei trattati, ha detto Morawiecki, citato dall'agenzia.

All'inizio del mese, Varsavia e Budapest avevano espresso la loro disapprovazione per il Recovery Fund dell'Unione Europea di circa 800 miliardi di dollari, nonché il budget pluriennale per il 2021-2027, che limita l'accesso ai fondi europei se il governo di un Paese membro viola alcuni criteri dello stato di diritto.

La Polonia e l'Ungheria hanno ripetutamente affermato che non firmeranno il Recovery Fund e il bilancio 2021-2027 perché lo vedono come un tentativo da parte di Bruxelles di dare loro una lezione per le riforme giudiziarie che stanno portando avanti, così come per la dura opposizione di Budapest all'ingresso dei profughi e migranti.

La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha commentato la questione mercoledì, chiedendo a Ungheria e Polonia di smettere di bloccare il bilancio e il Recovery Fund. Ha aggiunto che dovrebbero dibattere la questione alla Corte di Giustizia dell'Unione europea.

Se entro la fine dell'anno non verrà trovato l'accordo, la Ue funzionerà sulla base di un bilancio provvisorio, il che significa che verranno stanziati solo i pagamenti concordati in precedenza e verranno congelati i fondi per i nuovi investimenti.

Tags:
Finanze, Economia, Unione Europea, Ungheria, Polonia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook