10:32 23 Gennaio 2021
Politica
URL abbreviato
Le proteste in Bielorussia dopo le elezioni presidenziali (137)
9256
Seguici su

Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha affermato che con la nuova Costituzione non sarà più presidente della repubblica.

"Non faccio nessuna Costituzione su misura per me. Con la nuova Costituzione non agirò da presidente. Pertanto calmatevi sopportate con calma", ha detto Lukashenko, citato dall'agenzia di stampa locale Belta.

Ha inoltre affermato che non avrebbe mai permesso che, "adottando la nuova Costituzione, qualcuno la falsifichi, o poi qualcuno si inventi le elezioni con la nuova Costituzione". "Anche se so che non sarà quello che voglio. Perché? Perché il popolo bielorusso deve passare quello che deve passare. Meglio ora, senza una guerra, peggio se questa guerra scoppiasse", ha detto Lukashenko.

Il capo di Stato bielorusso ha spiegato perché è favorevole alla nuova Costituzione.

"Sono un sostenitore della nuova Costituzione. Non perché abbiamo bisogno di un po' di 'democrazia'. La democrazia non è il punto. In questa situazione mi preoccupa qualcos'altro: non possiamo dare questa Costituzione ad un presidente sconosciuto. Sarebbe un disastro", ha aggiunto Lukashenko, indicando i maggiori poteri concessi al capo di Stato in base alla legislazione esistente.

Proteste in Bielorussia

In Bielorussia sono scoppiate le proteste dopo le contestatissime elezioni presidenziali del 9 agosto, che hanno conferito il 6° mandato ad Alexandr Lukashenko, al potere dal 1994.

Secondo i dati ufficiali, Lukashenko ha ottenuto l'80,1% dei voti, seguito da Svetlana Tikhanovskaya, con il 10,12%.

L'opposizione bielorussa ha denunciato numerose irregolarità elettorali e ha chiesto la ripetizione delle elezioni, opzione bocciata dallo stesso Lukashenko.

Tema:
Le proteste in Bielorussia dopo le elezioni presidenziali (137)
Tags:
Bielorussia, Alexander Lukashenko
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook