03:04 04 Dicembre 2020
Politica
URL abbreviato
Tensione nel Nagorno-Karabakh (125)
2111
Seguici su

La dichiarazione congiunta di Armenia, Azerbaigian e Russia sul Nagorno-Karabakh ha permesso di porre fine allo spargimento di sangue e stabilizzare la situazione nella regione, ha affermato il presidente russo.

Il capo di Stato russo ha condotto una riunione relativa alla risoluzione delle questioni umanitarie nel Nagorno-Karabakh con il ministro della Difesa Sergey Shoigu, il ministro degli Esteri Sergey Lavrov, il direttore dell'Fsb (servizi segreti) Alexander Bortnikov e il ministro delle Situazioni di Emergenza Evgeny Zinichev.

"Spero che non useremo più questa espressione, "il conflitto del Nagorno-Karabakh", auspico che presto passeremo a discutere altre questioni", ha detto.

Secondo Putin, il numero delle vittime, anche tra la popolazione civile del Karabakh, a seguito delle operazioni militari ha superato 4mila, il bilancio dei feriti registra più di 8mila e decine di migliaia sono gli sfollati.

"La questione dell'assistenza per il ritorno ad una normale vita pacifica della popolazione colpita dalle ostilità nella zona del conflitto del Nagorno-Karabakh è molto importante e attuale", ha sottolineato il presidente russo.

Per ripristinare le infrastrutture civili nel Karabakh, aiutare i residenti della regione a risolvere i problemi più urgenti e rimpatriare i gli sfollati, Putin ha firmato un decreto sulla creazione di un centro interdipartimentale per dare risposte alla delicata situazione umanitaria. Il ministero della Difesa supervisionerà il processo.

© Sputnik . Alexey Maishev

Il presidente ha chiesto al ministro delle Situazioni di Emergenza di indicare ulteriori possibilità per fornire assistenza supplementare alla popolazione del Karabakh. Zinichev a sua volta ha affermato che il suo dicastero è pronto ad inviare un gruppo di 150 soccorritori e 17 mezzi entro otto ore.

"Se necessario, siamo anche pronti a fornire un aereo-ospedale per fornire assistenza medica alla popolazione locale", ha aggiunto il ministro.

Più di 1.100 uomini stati dispiegati nel Karabakh in qualità di contingente di pace, ha riferito Shoigu. "Oggi stiamo completando il dispiegamento di posti di osservazione nella zona meridionale. Un'altra unità di forze di pace sarà schierata nel nord del Nagorno-Karabakh. Domani si prevede di collocare altre 8 postazioni in questa zona", ha detto il capo del dicastero militare russo.

Tregua nel Nagorno-Karabakh con mediazione russa

In precedenza i leader di Russia, Armenia e Azerbaigian avevano adottato una dichiarazione congiunta sul cessate il fuoco nel Nagorno-Karabakh. Secondo quanto affermato dal presidente russo Vladimir Putin, da martedì 10 novembre è iniziato un cessate il fuoco totale nel Nagorno-Karabakh, l'Azerbaigian e l'Armenia si fermano sulle loro posizioni occupate e devono scambiarsi i prigionieri di guerra. Inoltre le forze di pace russe vengono schierate nel Karabakh. Il contingente di forze di pace della Federazione Russa nel Nagorno-Karabakh comprende 1.960 militari, 90 veicoli corazzati da trasporto, 380 unità di equipaggiamento militare.

Il premier armeno Nikol Pashinyan ha osservato nella sua dichiarazione su Facebook che questo accordo è stata una decisione estremamente difficile per lui. A sua volta il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev ha definito la firma del documento come una resa dell'Armenia. Secondo Aliyev, l'accordo è più vantaggioso per Baku, ora la fase militare è terminata ed è possibile concentrarsi ai negoziati e alle questioni politiche.

Tema:
Tensione nel Nagorno-Karabakh (125)
Tags:
Russia, Nagorno-Karabakh, Situazione nel Nagorno-Karabakh, Vladimir Putin
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook