18:39 25 Novembre 2020
Politica
URL abbreviato
102
Seguici su

Matteo Salvini pensa al Natale e spera proprio che lo si possa trascorrere con i genitori e sorelle e fratelli, anche se non con 20 persone a tavola. Professore Galli però avverte: evitiamo Ferragosto.

Matteo Salvini entra nel dibattito Natale 2020 e pensando a come sarà la festa culturalmente più sentita dagli italiani, spera che quello che il Governo “sta mettendo in campo serva a regalare qualche sorriso e abbraccio,” e soprattutto spera “non in un Natale con i cenoni con 20 persone ma di riuscire a vedere mia madre e mio padre, mia sorella e i nipotini”, ha detto il leader del Carroccio a ‘Mattino Cinque’.

Per il “capitano” della Lega “l’ambizione” degli italiani di passare le festività natalizie insieme non è “impossibile”, anche perché lui si rifiuta “di pensare a un Natale a distanza, specie per le persone sole”.

Questa mattina il ministro Boccia è intervenuto sull'argomento affermando che il Natale sarebbe meglio trascorrerlo con i parenti stretti.

Per il professore Galli del Sacco di Milano, sarebbe il caso di evitare che il Natale diventi un diffusore di contagio come lo è stato Ferragosto perché altrimenti non ne usciremmo più.

Sospendere le scadenze fiscali

“Chiediamo al Governo, e lo chiediamo con il cuore in mano, di sospendere le scadenze fiscali da qui fino a fine anno. Perché il 30 novembre gli italiani nella difficoltà che stanno vivendo dovrebbero versare l’IRAP, e poi c’è l’IVA, ci sono l’INPS e tutto il resto. Penso che il Governo, almeno la tranquillità economica agli italiani dovrebbe concederla, almeno fino a fine anno”, sono le parole di Matteo Salvini pronunciate questa mattina partecipando in collegamento a ‘Mattino Cinque’.

Tags:
Coronavirus, Natale, Matteo Salvini
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook