07:41 02 Dicembre 2020
Politica
URL abbreviato
612
Seguici su

Il ministro Francesco Boccia prepara gli italiani a un Natale vissuto solo con i parenti più stretti, per evitare che le festività si trasformino in un maxi diffusore.

Il Governo prepara gli italiani ad assorbire l’idea di trascorrere il Natale in casa e tra i parenti stretti. Sull’argomento interviene anche il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Francesco Boccia, il quale a ‘L’Aria che tira’ su La7 ha suggerito che “a Natale sarà meglio stare solo in compagnia del nucleo familiare più stretto”.

In precedenza si erano espressi sulle feste natalizie anche il sottosegretario alla Salute Zampa (PD) che aveva presentato agli italiani uno scenario in cui avremmo potuto invitare a casa i parenti più stretti come fratelli e sorelle. Sulla stessa linea anche il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri (M5S).

Il ragionamento dell’infettivologo Galli: Natale non sia come Ferragosto

Il ragionamento che l’infettivologo Massimo Galli, direttore del reparto malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, ha fatto intervenendo a ‘Timeline’ su SkyTg24 è molto semplice.

“Il punto è questo – dice l’infettivologo –. Abbiamo fatto il lockdown fino a maggio, avevamo ottenuto in gran parte d’Italia l’annullamento della presenza del virus, abbiamo fatto un’estate come quella che abbiamo fatto e il Ferragosto è diventato un elemento di grande amplificazione dell’epidemia.”

Quindi aggiunge: “Natale e Capodanno sono grandi feste, se le affrontiamo con lo stesso spirito di Ferragosto non ne usciamo più, se chiudiamo tutto ora e riapriamo a Natale è evidente che comunque la riapertura non sarà quella che può consentire alle persone di andare a cenoni e veglioni”.

Caso Campania e altre Regioni

Per quanto riguarda invece la situazione epidemiologica in Italia e le criticità mostrate dai sistemi sanitari locali in alcuni territori come a Napoli, il ministro Boccia ha riferito che la decisione sarà presa dopo aver letto i dati del monitoraggio di venerdì 13 novembre.

Tuttavia le “misure arriveranno tra sabato e domenica, ma si daranno sempre 24 ore di tempo dopo l’ordinanza” per organizzare il recepimento della stessa e non servirà “alcun dpcm”, ha sottolineato.

Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook