18:39 28 Novembre 2020
Politica
URL abbreviato
Tensione nel Nagorno-Karabakh (122)
340
Seguici su

Il capo del governo armeno Nikol Pashinyan ha affermato che ora ci sono "argomenti più pesanti" per il riconoscimento internazionale del Karabakh, senza tuttavia specificare quali.

"La soluzione finale della questione dello status di Artsakh (sinonimo di Karabakh - ndr) è di fondamentale importanza... Il riconoscimento internazionale della Repubblica di Artsakh sta diventando una priorità assoluta. Inoltre ora ci sono ragioni più importanti per il riconoscimento internazionale ", ha detto Pashinyan in un videomessaggio ai suoi concittadini.

Tuttavia il premier armeno non ha specificato che tipo di argomenti.

Intanto secondo il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, lo status del Nagorno-Karabakh sarà determinato in base alla risoluzione della questione della composizione etnica e religiosa della regione.

"Ci basiamo sul fatto che lo status sarà determinato in base alle azioni che dobbiamo intraprendere per ripristinare l'armonia etno-confessionale nel Nagorno-Karabakh", ha detto Lavrov durante una conferenza stampa online.

Secondo il capo della diplomazia russa, "non fissiamo scadenze artificiali".

Il presidente turco Tayyip Erdogan ha dichiarato l'11 novembre che Ankara e Mosca avevano firmato un memorandum su un centro per il controllo del cessate il fuoco nel Karabakh nell'ambito di una "missione congiunta di mantenimento della pace". Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha osservato che Mosca e Ankara lavoreranno sul Karabakh attraverso il centro di monitoraggio sul territorio dell'Azerbaigian, allo stesso tempo "non si è parlato di forze congiunte di mantenimento della pace".

Ieri anche i ministri della Difesa di Russia e Turchia hanno firmato il memorandum sul centro di controllo della tregua nella regione.

Tregua nel Nagorno-Karabakh con mediazione russa

In precedenza i leader di Russia, Armenia e Azerbaigian avevano adottato una dichiarazione congiunta sul cessate il fuoco nel Nagorno-Karabakh. Secondo quanto affermato dal presidente russo Vladimir Putin, da martedì 10 novembre è iniziato un cessate il fuoco totale nel Nagorno-Karabakh, l'Azerbaigian e l'Armenia si fermano sulle loro posizioni occupate e devono scambiarsi i prigionieri di guerra. Inoltre le forze di pace russe saranno schierate nel Karabakh. Il contingente di forze di pace della Federazione Russa nel Nagorno-Karabakh comprende 1.960 militari, 90 veicoli corazzati da trasporto, 380 unità di equipaggiamento militare.

Il premier armeno Nikol Pashinyan ha osservato nella sua dichiarazione su Facebook che questo accordo è stata una decisione estremamente difficile per lui. A sua volta il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev ha definito la firma del documento come una resa dell'Armenia. Secondo Aliyev, l'accordo è più vantaggioso per Baku, ora la fase militare è terminata ed è possibile concentrarsi ai negoziati e alle questioni politiche.

Tema:
Tensione nel Nagorno-Karabakh (122)
Tags:
Nikol Pashinyan, Azerbaigian, Armenia, Nagorno-Karabakh, Situazione nel Nagorno-Karabakh
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook