04:11 29 Novembre 2020
Politica
URL abbreviato
Tensione nel Nagorno-Karabakh (122)
160
Seguici su

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov è stato intervistato dal quotidiano russo Kommersant: tra gli argomenti discussi è stata dedicata particolare attenzione alla situazione nel Nagorno-Karabakh.

La Russia esorta gli attori esterni, inclusa la Turchia, ad usare la loro forza per impedire l'invio di mercenari dal Medio Oriente nella regione del Nagorno-Karabakh, ha detto Lavrov, aggiungendo che ci sono circa 2mila foreign fighters nella zona di conflitto.

"Abbiamo ripetutamente esortato i giocatori esterni ad utilizzare le loro capacità per impedire il trasferimento di mercenari, il cui numero nella zona di conflitto, secondo i dati disponibili, si avvicina già a 2mila. In particolare, la questione è stata sollevata da Putin durante una conversazione telefonica con il presidente turco Erdogan il 27 ottobre e durante le conversazioni regolari con i leader di Azerbaigian e Armenia", ha affermato Lavrov.

Il capo della diplomazia russa ha inoltre osservato che il lavoro del gruppo di Minsk nell'ambito dell'Osce continua, sebbene non sia stato ancora concordato nello specifico quello che possa garantire che venga osservato il cessate il fuoco nel Nagorno-Karabakh.

"La dichiarazione adottata dopo i colloqui a Mosca il 10 ottobre afferma che verranno concordati anche i parametri specifici per l'osservanza del cessate il fuoco. È molto difficile... Finora non è stato possibile concordare tutti i parametri. Continuiamo a lavorare in questa direzione, anche nell'ambito della copresidenza del gruppo di Minsk dell'Osce", ha affermato il ministro degli Esteri russo.

Secondo Lavrov, sia Baku che Yerevan dovrebbero accettare i termini di tali meccanismi, che dovrebbero essere applicati il ​​prima possibile.

Il diplomatico ha aggiunto che Mosca è favorevole a lavorare per la risoluzione del conflitto con i Paesi al di fuori della mediazione del Gruppo di Minsk dell'Osce, copresieduto da Francia, Russia e Stati Uniti.

"Siamo favorevoli a lavorare con tutti i partner, compresi gli alleati delle parti coinvolte, che hanno la possibilità di influenzare i protagonisti al fine di creare le condizioni per raggiungere una soluzione diplomatica in linea con i principi fondamentali di normalizzazione promossi dai copresidenti in contatto con Baku e Yerevan", ha detto Lavrov, rispondendo all'osservazione sulla proposta per creare un nuovo formato di negoziazione con Russia, Turchia, Armenia e Azerbaijan tra i partecipanti.

Il ministro ha inoltre annunciato che la Russia non è mai stata a favore di una soluzione militare al conflitto del Nagorno-Karabakh e ha invitato entrambe le parti a cessare le ostilità.

In precedenza il presidente russo Vladimir Putin aveva avuto colloqui telefonici con i leader di Armenia e Azerbaigian.

Escalation nel Nagorno-Karabakh

I combattimenti sulla linea di contatto nel Nagorno-Karabakh sono iniziati il ​​27 settembre. Armenia e Azerbaigian si accusano a vicenda di aver riacceso il conflitto, il governo indipendentista filo-armeno della repubblica non riconosciuta denuncia bombardamenti di artiglieria delle forze azere su centri abitati, compresa la capitale Stepanakert. L'Armenia ha dichiarato la legge marziale e - per la prima volta - la mobilitazione generale, sostenendo che Ankara sostiene attivamente Baku. In Azerbaigian è stata invece introdotta una mobilitazione parziale.

I leader di Russia, Stati Uniti e Francia hanno invitato le parti opposte a porre fine agli scontri e ad impegnarsi ad avviare negoziati senza precondizioni. La Turchia ha dichiarato che fornirà all'Azerbaigian qualsiasi sostegno richiesto sullo sfondo di un altro aggravamento della situazione nel Nagorno-Karabakh.

Tema:
Tensione nel Nagorno-Karabakh (122)
Tags:
Sergej Lavrov, Medio Oriente, Azerbaigian, Armenia, Situazione nel Nagorno-Karabakh, Nagorno-Karabakh, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook