18:47 28 Novembre 2020
Politica
URL abbreviato
Di
12736
Seguici su

Possibile chiusura dei centri urbani dalle 21, sospensione di spettacoli e competizioni sportive, raccomandato "non spostarsi tra comuni". Queste alcune delle misure contenute nella bozza del nuovo decreto del presidente del Consiglio, allo studio in queste ore del governo per contenere l’epidemia di coronavirus

Dopo la situazione “in rapido peggioramento” descritta nel rapporto settimanale diffuso ieri dal ministero della Salute, oggi sono stati registrati altri 19.644 casi di contagio da Sars-Cov-2, che portano il totale dall'inizio della pandemia oltre quota 500mila. Il governo sta quindi mettendo a punto misure per limitare gli spostamenti allo stretto necessario, cercando di non penalizzare troppo le attività economiche. Oggi il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha ammesso davanti all’assemblea della Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola impresa (Cna) che “a causa del ritmo di crescita del contagio, anche questi giorni e le prossime settimane si preannunciano molto complesse".

Ristoranti e bar

Nella bozza del nuovo Dpcm si precisa che a partire dal prossimo 26 ottobre le attività di bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie saranno sospese la domenica e i giorni festivi, mentre negli altri giorni saranno consentite dalle 5 alle 18. Il consumo al tavolo nelle attività di ristorazione sarà possibile per un massimo di quattro persone, a condizione che siano tutti conviventi. Dopo le 18 sarà vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico, mentre sarà consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive. Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio.

Sport e palestre

Sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza. Sospesi anche gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato; consentiti invece gli eventi e le competizioni sportive, nonché le sedute di allenamento degli atleti agonisti, riguardanti gli sport individuali e di squadra, riconosciuti dal Comitato olimpico nazionale italiano (Conu), dal Comitato italiano paralimpico (Cip) e dalle rispettive federazioni sportive nazionali.

Possibile chiusura centri urbani dalle 21 

Le autorità possono disporre la chiusura di strade o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, dopo le 21. Inoltre “è fortemente raccomandato” di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune.

Stop a sale giochi, parchi divertimento, cinema e teatri

Sono sospese le attività dei parchi tematici e di divertimento, così come quelle di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò. Sospesi anche gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto.

Scuola

Nella bozza del Dpcm si confermano le attività didattiche in presenza per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia, mentre per le secondarie di secondo grado è previsto un incremento della didattica digitale, per una quota pari al 75%.

"Un nuovo Dpcm con misure più restrittive sarà varato nelle prossime ore con l'obiettivo di fare il Natale insieme", ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, in una intervista al Tg3.
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook