03:49 04 Dicembre 2020
Politica
URL abbreviato
1 0 0
Seguici su

Il sindaco di Milano ha manifestato la propria approvazione per la misura che dovrebbe entrare in vigore a partire dal 22 ottobre su tutto il territorio lombardo.

Tra i primi esponenti di spicco del mondo della politica a dire la propria sulla nuova ordinanza che in Lombardia prevede il coprifuoco notturno c'è il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, che ha commentato la notizia i microfoni di Radio Deejay, dichiarandosi di fatto favorevole alla quarantena notturna:

"Questa idea di chiudere la sera non è una follia nata in Lombardia, Parigi è in lockdown dalle 21 alle 6 per un mese. Sono stato a Londra tre settimane fa e alle 22 i ristoranti chiudono, in Scozia e in Irlanda i pub e i ristoranti sono chiusi per dieci giorni. A Barcellona gli esercizi commerciali sono chiusi per 15 giorni. In sostanza, le grandi città hanno questo tipo di rischio", ha spiegato Sala.

Il primo cittadino milanese si è quindi soffermato sul repentino aumento dei ricoveri per Covid-19, ribadendo che la volontà della sua amministrazione è in primo luogo quella di far sì che vengano evitati scenari simili a quelli vissuti nelle province di Bergamo, Brescia e Cremona la scorsa primavera:

"In questo momento c'è un'impennata di ricoveri in Lombardia, fatta eccezione per tre province: Bergamo, Brescia e Cremona. Perchè? Perchè c'è una sorta di immunità. Ma che prezzo hanno pagato? Nella mia testa, Milano non può pagare questo prezzo e per le sue dimensioni avrebbe un problema enorme", sono state le parole del sindaco.

L'ordinanza di Regione Lombardia

In mattinata è stato reso noto che una nuova ordinanza è stata approvata dal ministro della Salute Speranza e dal governatore Fontana, andando ad introdurre a partire dal 22 ottobre un coprifuoco nella fascia oraria dalle 23.00 alle 05.00 su tutto il territorio lombardo.

Tale ordinanza dovrà ora essere analizzata e approvata dall'Anci e dai 12 sindaci dei capoluoghi di provincia.

Il Covid-19 in Lombardia

Stando all'ultimo bollettino diffuso nella giornata di ieri sono circa 130.000 i casi di Covid-19 registrati sul territorio lombardo dall'inizio della pandemia, a fronte di 77.204 guarigioni e 17.103 vittime.

 

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook