17:11 24 Novembre 2020
Politica
URL abbreviato
Di
136
Seguici su

Per Milano, invece, Meloni, Berlusconi e Salvini stanno valutando anche la possibilità di presentare l’ex calciatore e volto storico del Milan Franco Baresi.

Il centrodestra si prepara alle amministrative delle grandi città, tra cui la Capitale, che si svolgeranno in primavera. E iniziano a fioccare i nomi. Nel vertice di ieri, rinviato a questa settimana dopo il nulla di fatto di giovedì scorso, hanno partecipato il leader della Lega Matteo Salvini, il numero uno di Forza Italia Silvio Berlusconi (collegato in maniera virtuale), Antonio Tajani ex presidente dell’Europarlamento ed esponente azzurro e Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, che la settimana scorsa ha di fatto ritirato la sua candidatura a sindaco di Roma.

La corsa al Campidoglio

Mentre il centrosinistra dibatte sull’autocandidatura di Carlo Calenda, il centrodestra affila le armi per conquistare la Capitale, nel dopo-Raggi.

Guido Bertolaso
Guido Bertolaso

Nel vertice di ieri il Cavaliere ha tirato fuori i nomi principali: l’ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso e l’ex comandante generale della Guardia di Finanza Giorgio Toschi. 

Per le elezioni a Roma nella riunione si è parlato anche di Massimo Giletti, una figura che piace al centrodestra, ma il giornalista ha già declinato e quindi la sua candidatura è stata archiviata.

Altro nome proposto quello dell’imprenditrice Luisa Todini, tra le più citate anche da fonti giornalistiche nei retroscena di questi giorni.

Per Milano spunta il difensore Baresi

Per il capoluogo lombardo, un altro dei centri caldi per la prossima primavera, Lega, FI e Fdi puntano invece sull'imprenditore farmaceutico Sergio Dompè e sull'ex calciatore del Milan, Franco Baresi.

Nel toto-nomine è entrato anche Paolo Veronesi, figlio del noto oncologo Umberto e presidente della Fondazione omonima.

Per Napoli corsa a tre

Per la poltrona di Luigi De Magistris, il centrodestra punta invece su tre nomi: l'ex presidente di Confindustria, Antonio D'Amato, Danilo Iervolino, presidente dell'Università telematica Pegaso, e Guido Grimaldi.

In questo caso la Lega non ha ancora proposto ufficialmente il suo nome, anche se, scrive la Adnkronos, Salvini sta pensando a un volto nuovo, forse un imprenditore campano, e si fa il nome di Grimaldi appunto, rampollo della famiglia di armatori napoletani, fondatori della Grimaldi Lines.

Il vertice del centrodestra

"Quasi tutti i nomi interpellati non hanno tessere di partito in tasca, certo sono di area antagonista alla sinistra", ha afferma ieri Salvini dopo il vertice. "Ci siamo presi qualche ora per contattarli, da Milano a Roma, a Torino e Napoli, tante donne e uomini, dall'impresa, volontariato, università che si mettono a disposizione, ci rivedremo a breve. Ci rivedremo in settimana, per vedere le disponibilità e quali sono i candidati migliori, Roma e Milano meritano di più".

"Un tavolo proficuo per il centrodestra. Stiamo vagliando diversi nomi per i candidati sindaci delle grandi città che vanno al voto sono molte le proposte interessanti sul tavolo. Lavoriamo spediti per proposte definitive nel minor tempo possibile", ha detto Meloni.

"Ho partecipato, via Zoom, al vertice con Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Alle prossime elezioni amministrative il centrodestra intende mettere in campo personalità forti, capaci di vincere, ma soprattutto di dare un buongoverno alle grandi città, a partire dalla Capitale, e ai Comuni che andranno al voto", ha scritto sulla sua pagina Facebook Berlusconi commentando gli esiti della riunione.

Correlati:

Sindaco Roma, Calenda propone suo nome a Zingaretti: non hai altro
Giletti smentisce la candidatura a sindaco di Roma: "Non ci penso minimamente"
Sgarbi sindaco di Roma? Ecco le sue idee per il Rinascimento della capitale
Tags:
Silvio Berlusconi, Matteo Salvini, Giorgia Meloni, Fratelli d'Italia, Lega, Forza Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook