12:00 20 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
2212
Seguici su

L'Unione Europea ha ampliato la lista di sanzioni nei confronti della Siria aggiungendo sette ministri del governo del Paese. Lo si apprende da un documento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'UE.

L'Unione Europea ha pubblicato i nomi dei ministri siriani aggiunti all'elenco dei soggetti sotto sanzione. Come afferma l'UE, questi ministri sono stati nominati nei rispettivi incarichi tra maggio ed agosto di quest'anno.

Bruxelles ritiene che siano "corresponsabili, a tale titolo, della repressione violenta della popolazione civile da parte del regime siriano".

In particolare, le misure restrittive sono state imposte a:

  • Talal Al-Barazi, ministro del Commercio interno e della tutela dei consumatori;
  • Loubana Mouchaweh, ministro della Cultura;
  • Darem Tabàa, ministro dell'Istruzione;
  • Ahmad Sayyed, ministro della Giustizia;
  • Tammam Raad, ministro delle Risorse idriche;
  • Kinan Yaghi, ministro delle Finanze;
  • Zuhair Khazim, ministro dei Trasporti.
"Vista la gravità della situazione in Siria e tenuto conto delle recenti nomine ministeriali, sette persone dovrebbero essere aggiunte all’elenco delle persone fisiche e giuridiche, delle entità o degli organismi soggetti a misure restrittive", si legge nel documento.

Il Consiglio Europeo ha sottolineato in una nota che "segue costantemente gli sviluppi del conflitto siriano".

"L'UE resta impegnata a trovare una soluzione politica duratura al conflitto", aggiunge la nota.

Il 28 maggio 2020 il Consiglio Europeo ha prorogato per un anno le sanzioni contro il governo siriano, che scadevano il primo giugno. L'elenco delle sanzioni in quel momento includeva 273 persone a cui era stato vietato l'ingresso nell'UE e i loro fondi erano stati congelati.

Inoltre, le misure restrittive si applicano a 70 organizzazioni in Siria. Ora l'elenco aggiornato contiene 280 persone e 70 organizzazioni.

La decisione sull'ampliamento dell'elenco di sanzioni entra in vigore oggi 16 ottobre, giorno della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook