12:20 21 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
0 151
Seguici su

Verso la fine di settembre la Bulgaria aveva annunciato l'espulsione di 2 diplomatici russi, sostenendo che fossero coinvolti in attività di spionaggio nel Paese.

Le autorità russe hanno dichiarato persone non gradite 2 diplomatici bulgari in risposta alla decisione di Sofia di espellere 2 collaboratori della rappresentanza commerciale russa in Bulgaria, ha riferito in una nota il ministero degli Esteri russo.

"Il 12 ottobre, l'ambasciatore bulgaro Atanas Krystin è stato invitato al ministero degli Esteri russo, dove gli è stata consegnata la nota del dicastero relativa alla dichiarazione di 2 dipendenti dell'Ambasciata bulgara come persone non gradite. Questa misura è una risposta simmetrica alla decisione infondata delle autorità bulgare di espellere due funzionari della missione commerciale russa a Sofia nel settembre di quest'anno", si legge nel comunicato del dicastero diplomatico russo.

All'inizio della giornata l'ambasciatore bulgaro in Russia era stato convocato nell'edificio del ministero degli Esteri a Mosca.

Il 23 settembre la Bulgaria aveva annunciato l'espulsione di due diplomatici russi che secondo la Procura potrebbero essere coinvolti in attività di spionaggio, dando loro 72 ore per lasciare il Paese balcanico.

L'Ambasciata russa a Sofia si è affrettata a bollare la decisione come "infondata", aggiungendo che non è stata presentata alcuna prova sul fatto che le attività dei diplomatici non fossero legate alla loro funzione civile.

La decisione delle autorità bulgare di settembre è seguita a quella del gennaio precedente, quando il ministero degli Esteri bulgaro aveva decretato l'espulsione di due diplomatici russi, sempre col sospetto di spionaggio.

La Procura generale del paese ha svolto un'indagine preliminare sui due diplomatici, ma il caso è stato sospeso per l'immunità diplomatica.

Tags:
Diplomazia Internazionale, Russia, Bulgaria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook