11:21 20 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
Tensione nel Nagorno-Karabakh (81)
390
Seguici su

Una tregua nel Nagorno-Karabakh è possibile solo se "la Turchia se ne va via dal Caucaso meridionale", ha detto il primo ministro armeno Nikol Pashinyan.

"I terroristi del Medio Oriente stanno combattendo dalla parte dell'Azerbaigian, il loro sponsor è la Turchia. Come si può ora ipotizzare di lasciare la popolazione del Nagorno-Karabakh non protetta da terroristi ed estremisti?" - ha detto Pashinyan in un'intervista alla pubblicazione canadese Globe and Mail.

In precedenza il ministero degli Esteri russo ha affermato che Mosca è preoccupata dalle notizie sul trasferimento di mercenari di gruppi clandestini armati, in particolare dalla Siria e dalla Libia, nel Karabakh. Le autorità russe hanno invitato i capi degli Stati interessati ad adottare misure per scongiurare il coinvolgimento di terroristi e mercenari stranieri nel conflitto, nonché a ritirarli immediatamente dalla regione.

Il fatto che combattenti siriani si siano recati nella repubblica non riconosciuta del Caucaso meridionale per partecipare alle ostilità è stato riferito anche dal presidente francese Emmanuel Macron prima dell'inizio del vertice europeo.

Secondo lui, i militanti di "gruppi jihadisti hanno lasciato il teatro delle operazioni militari in Siria per unirsi alle azioni armate nel Karabakh".

L'Armenia ha le prove che il comando militare turco sta controllando le operazioni militari dell'Azerbaigian nel Nagorno-Karabakh, aveva detto in precedenza al quotidiano francese Le Figaro il premier armeno Nikol Pashinyan. 

Escalation nel Nagorno-Karabakh

La situazione nella regione contesa del Caucaso meridionale è peggiorata domenica, dopo che Armenia e Azerbaigian hanno dato vita a reciproci scontri a fuoco e provocazioni militari lungo la linea di contatto.

L'escalation ha spinto entrambi i Paesi a introdurre la legge marziale e la mobilitazione.

Il conflitto nella regione è iniziato nel febbraio del 1988, quando la Regione Autonoma del Nagorno-Karabakh a maggioranza armena proclamò l'indipendenza dalla Repubblica Socialista Sovietica dell'Azerbaigian. Nell'area è scoppiato un conflitto armato tra il 1992 al 1994, da allora sono stati avviati negoziati per la normalizzazione del conflitto con la mediazione del gruppo di Minsk dell'OSCE, guidato da Russia, Stati Uniti e Francia.

L'autoproclamata Repubblica, che formalmente fa parte dell'Azerbaigian, ha cercato il riconoscimento internazionale, con il premier armeno Nikol Pashinyan che ha proseguito i tentativi alla luce delle crescenti tensioni nell'area contesa.

Tema:
Tensione nel Nagorno-Karabakh (81)
Tags:
Situazione nel Nagorno-Karabakh, Nagorno-Karabakh, Azerbaigian, Armenia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook