11:47 20 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
307
Seguici su

Nicola Zingaretti presenta la proposta di modifica della Costituzione italiana del PD, in particolare il superamento del bicameralismo perfetto e la sfiducia costruttiva al governo.

Oggi il Partito Democratico ha presentato le “priorità del Partito Democratico” che per troppi anni sono state “discusse” e mai risolte, dice Roberta Pinotti ex ministro della Difesa che ha aperto la conferenza stampa.

Una riforma che s’inserisce nel taglio dei parlamentari e che punta ora a superare il cosiddetto bicameralismo perfetto, che vede la Camera dei deputati e il Senato impegnate nell’approvare le medesime leggi in iter che delle volte richiedono mesi, se non anni.

Già Renzi, quando era segretario del PD e presidente del Consiglio, ci aveva provato ma gli italiani gli avevano bocciato il referendum costituzionale.

Ora il PD, con a capo Nicola Zingaretti, ci riprova con accanto Graziano Delrio, Dario Franceschini, Stefano Ceccanti e Dario Parrini oltre alla già citata Pinotti.

Il PD vuol riformare la costituzione aprendo il “cantiere istituzionale”, non una costituente ma un tentativo di “costruire un paese nuovo e una Italia migliore” dice Zingaretti.

Solo una proposta politica

Quella dei Dem di oggi è una proposta politica, che ora ha bisogno di “un lavoro politico di confronto con le altre forze di maggioranza, e non solo nelle Aule parlamentari”. Un dialogo politico da estendere ai costituzionalisti e alle aule delle università afferma Zingaretti, che apre anche a Forza Italia – “FI e il presidente Berlusconi hanno dato la disponibilità”, ha detto – ma anche a Salvini e a Meloni che non hanno mostrato “pregiudiziali” nei confronti di questo tipo di modifica della costituzione.

Tra l’altro la proposta prevede anche il rafforzamento del governo con la sfiducia costruttiva.

La legge elettorale

Per quanto riguarda la legge elettorale la soglia di sbarramento del 5% non si tocca, perché dice:

“Quel 5% non è messo a caso ma è il giusto correttivo di un proporzionale che dia stabilità al governo”.

Ma per quanto riguarda il tema delle preferenze non sembra molto aperto alla possibilità che siano gli elettori a scegliere i propri candidati. Zingaretti pensa più a un modello di collegi inseriti in un sistema proporzionale per andare “incontro alla domanda che c’è di rapporto tra eletti ed elettori, salvaguardando la parità di genere” (le quote rosa).

Correlati:

Lukashenko apre a nuove elezioni presidenziali, ma solo dopo l'adozione di una nuova Costituzione
Russia, le modifiche alla Costituzione entreranno in vigore il 4 luglio
Rogo del Corano: I musulmani cercano di modificare la costituzione svedese
Tags:
Costituzione, Nicola Zingaretti
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook