03:24 29 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
0 53
Seguici su

Oggi il ministero degli Esteri francese ha segnalato ai giornalisti lo svolgimento di un'indagine in merito alle fughe di notizie sui media locali riguardanti il contenuto dei colloqui tra il presidente Emmanuel Macron ed il capo di Stato russo Vladimir Putin.

All'inizio della settimana, il quotidiano Le Monde, citando le sue fonti, ha riferito della conversazione telefonica del 14 settembre tra i due leader, in particolare sulla confutazione categorica di Putin delle accuse di avvelenamento dell'oppositore russo Alexey Navalny mosse da alcuni Paesi europei. Il presidente russo ha anche consigliato alla sua controparte francese di esaminare altri possibili scenari.

"Qualsiasi fuga di documenti interni riservati è inaccettabile. Questo è il motivo per cui ci asteniamo dal commentare. L'indagine è in corso", ha detto un rappresentante del dicastero diplomatico francese.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov aveva osservato che, nel caso in cui il giornale avesse riportato con precisione le esatte dichiarazioni, significherebbe che le autorità francesi hanno consegnato la registrazione della telefonata ai media, cosa che non può essere vera per il portavoce del capo di Stato russo.

Che cosa è successo ad Alexey Navalny

Alexey Navalny è stato ricoverato ad Omsk il 20 agosto dopo essersi sentito male su un aereo che da Tomsk lo avrebbe dovuto riportare a Mosca. In base ai risultati degli esami, i medici di Omsk hanno diagnosticato un disturbo metabolico che hanno indotto un forte calo della glicemia. Non è ancora chiaro cosa l'abbia causato, ma secondo i medici di Omsk, non sono stati trovati veleni nel sangue e nelle urine di Navalny.

Successivamente l'esponente dell'opposizione extraparlamentare russa è stato trasportato in aereo in Germania, dove è stato ricoverato presso la clinica Charite di Berlino, dalla quale è stato dimesso nella giornata di ieri.

A inizio settembre, il governo tedesco ha annunciato con riferimento alle analisi dei medici militari, che Navalny sarebbe stato avvelenato con una sostanza del gruppo Novichok, un agente nervino altamente tossico utilizzato per la guerra chimico-batteriologica.

Il presunto avvelenamento di Navalny ha spinto molti funzionari europei a chiedere l'imposizione di ulteriori sanzioni alla Russia. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha affermato che Mosca risponderà reciprocamente se i paesi occidentali imporranno nuove misure restrittive in relazione al caso Navalny.

Tags:
Vladimir Putin, Emmanuel Macron, Russia, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook