14:46 24 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
4121
Seguici su

Il rappresentante permanente della Federazione Russa presso le Nazioni Unite Vasily Nebenzya ha parlato del desiderio degli Stati Uniti di cambiare le attuali autorità in Siria.

Nel corso di questa settimana il presidente americano Donald Trump ha ammesso di aver avuto l'opportunità di eliminare il presidente siriano Bashar Assad, ma è stato dissuaso dall'allora capo del Pentagono James Mattis.

"Le sanzioni unilaterali illegali in sé e per sé, che vengono utilizzate come strumento di punizione collettiva e mirate a incitare il malcontento sociale, ostacolano anche gli sforzi di coloro che vogliono la pace in Siria", ha detto Nebenzya.

"Di recente abbiamo sentito parlare di piani per uccidere il presidente di uno Stato sovrano, il capo di Stato siriano Bashar Assad. Di cosa si tratta se non di una politica volta al cambio di regime", ha affermato il rappresentante permanente russo in una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Ha invitato le parti che dimostrano mancanza di rispetto per il diritto internazionale a rinunciare a questa pratica.

In precedenza il ministero degli Esteri siriano aveva notato che l'ammissione ufficiale del presidente Donald Trump sul piano per eliminare Assad conferma le attività criminali degli Stati Uniti, che "ricorrono agli stessi metodi delle organizzazioni terroristiche: omicidio, liquidazione al di fuori di qualsiasi regola e principio internazionale per i propri interessi nella regione".

Tags:
Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, Bashar Assad, Russia, ONU, Vasily Nebenzya, USA, Siria, crisi in Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook