00:07 25 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
112
Seguici su

La Russia spera che gli accordi di normalizzazione sottoscritti da Emirati Arabi e Bahrein con Israele promuoveranno la stabilità nella regione mediorientale e non avranno ripercussioni sulla risoluzione del conflitto israelo-palestinese, ha dichiarato oggi il viceministro degli Esteri russo Mikhail Bogdanov.

"Se questo si traduce in una pace globale in Medio Oriente e nella risoluzione di tutti i problemi, compresa la questione palestinese, ovviamente accettiamo con favore l'intesa", ha detto Bogdanov.

Secondo il diplomatico, alla Russia è stato "assicurato che sia il Bahrein che gli Emirati Arabi sono impegnati nell'iniziativa di pace araba e nella soluzione della questione palestinese secondo il principio dei "due Stati per due popoli".

"Speriamo che sia così", ha aggiunto Bogdanov.

La Russia potrà valutare gli accordi solo dopo che passerà un po' di tempo ed emergeranno nuovi sviluppi, ha aggiunto il viceministro degli Esteri.

"Da un lato, questa è una decisione sovrana. D'altra parte, non dovrebbe influenzare la risoluzione del conflitto israelo-palestinese", ha spiegato Bogdanov.

Gli Emirati Arabi e il Bahrein hanno firmato ieri gli "accordi di Abramo" con Israele negoziati dagli Stati Uniti, che danno il via libera alla normalizzazione dei rapporti diplomatici tra i due Paesi arabi e lo Stato ebraico. L'accordo firmato con gli Emirati Arabi è un trattato di pace per l'instaurazione di legami diplomatici e la piena normalizzazione delle relazioni con Israele, mentre l'accordo con il Bahrein è una dichiarazione di pace. Secondo gli accordi, da parte sua Israele si impegna a sospendere i piani per estendere la propria sovranità sui territori contesi con i palestinesi della Cisgiordania.

Tags:
Russia, Israele, Politica Internazionale, Geopolitica, Medio Oriente, situazione in Medio Oriente, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook