22:17 29 Settembre 2020
Politica
URL abbreviato
203
Seguici su

Sergio Mattarella è preoccupato della situazione banchi a scuola. Il 14 settembre non tutte le scuole avranno i banchi monoposto e alcuni potrebbero arrivare solo a novembre.

Ci saranno o non ci saranno tutti i banchi monoposto e le sedie banco con rotelle nelle classi delle scuole italiane?

Il ministro Azzolina afferma che essere accusati di ritardi è “ingiusto”, perché in due mesi verranno consegnati 2,4 milioni di banchi.

Due mesi da settembre e quindi significa che alcune scuole li riceveranno a fine ottobre. Ma alcune aziende tra quelle coinvolte dal governo nella produzione dei banchi, hanno già fatto sapere che serve più tempo. Alcune scuole potrebbero ricevere i banchi monoposto a metà novembre o come regalo di Natale.

Mentre dai verbali desecretati nei giorni scorsi si evince come la scuola fosse un tema posto al centro sin dai primi mesi del lockdown, si è giunti ad agosto per definire concretamente la produzione di 2,4 milioni di banchi che, ovviamente, le imprese non riescono a produrre in tempi rapidissimi.

Le preoccupazioni di Mattarella

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella il 14 settembre sarà a Vo’, in provincia di Padova, per inaugurare ufficialmente l’anno scolastico.

A Vo’ gli alunni tornano in classe già da oggi 7 settembre come sta avvenendo in gran parte del Nord Italia.

In particolare le scuole riaprono lunedì 7 settembre nella provincia autonoma di Bolzano, che da sempre fa da apripista al resto d’Italia. In Lombardia e in altre regioni settentrionali oggi riaprono le materne.

Dicevamo delle preoccupazioni del presidente Mattarella che segue da vicino il dossier scuola. E la questione è appunto quella dei banchi. Se quelli a due non si possono usare perché non garantiscono la distanza fisica di un metro, ma alcune scuole riceveranno quelli nuovi a novembre, come studieranno studentesse e studenti?

Correlati:

Scuola, Salvini: "Azzolina ministro più incapace degli ultimi decenni"
Scuola, la proposta di FdI: impiegare i percettori del reddito di cittadinanza
Azzolina: "La scuola non è un posto fatato, non esiste rischio zero ma siamo preparati"
Tags:
Scuola
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook