09:31 01 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
9152
Seguici su

Il viceministro degli Esteri russo Alexandr Grushko ha incontrato oggi l’ambasciatore dell’Unione Europea in Russia Markus Ederer. La parte russa ha accentuato l’inammissibilità della politicizzazione della situazione di Alexey Navalny.

Oggi a Mosca il viceministro Grushko ha ricevuto l’ambasciatore dell’UE, come riporta un comunicato del ministero degli Esteri russo.

"In relazione alla dichiarazione dell’Alto rappresentante per la politica estera e sicurezza dell’UE Borrell, fatta a nome dell’Unione Europea il 3 settembre sulla situazione relativa ad Alexey Navalny, è stata accentuata l’inammissibilità della politicizzazione di tale questione, e delle accuse infondate simili alla "diplomazia del megafono", si afferma nel comunicato il ministero degli Esteri russo.

Il dicastero russo fa notare che le parti hanno sottolineato la necessità di impiegare meccanismi giuridici russo-tedeschi sulla base di una domanda della Procura generale della Federazione Russa per lo scambio delle informazioni e chiarimento delle circostanze effettive dell’avvenuto.

Le accuse

Mercoledì scorso gli specialisti del laboratorio di Bundeswehr hanno riferito di aver stabilito che Navalny, che ora si trova ricoverato a Berlino, è stato “avvelenato” con una sostanza chimico-militare del gruppo "Novichok". La missione diplomatica russa ha dichiarato di non aver ricevuto nessun documento riguardo ai risultati dell’indagine.

Giovedì 3 settembre, Josep Borrell, parlando della situazione di Aleksey Navalny, ha affermato che l'UE chiede una risposta internazionale congiunta e si riserva il diritto di imporre sanzioni. Ha anche invitato la Russia a cooperare con l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPAC) "per garantire un'indagine internazionale imparziale".

Il malore di Alexey Navalny

Alexey Navalny il 20 agosto ha avuto un malore mentre era a bordo di un volo diretto a Mosca dalla città siberiana di Tomsk. A seguito di un atterraggio di emergenza nella città di Omsk, è stato ricoverato in ospedale con sospetto avvelenamento come una delle possibili ragioni alla base delle sue condizioni.

Successivamente i medici russi non hanno trovato tracce di veleno nei suoi campioni e hanno ritenuto che il deterioramento fosse causato da un improvviso calo di glucosio nel sangue di Navalny a causa di uno squilibrio metabolico.

Navalny è stato trasportato in aereo a Berlino per ulteriori cure. Secondo una dichiarazione di Aleksandr Murakhovsky, il medico capo dell'ospedale di Omsk, i medici tedeschi hanno detto in una lettera che le condizioni di Navalny sono rimaste gravi e hanno ringraziato i colleghi russi per avergli salvato la vita.

Dal 22 agosto Navalny è in Germania. Le sue condizioni sono stabili, rimane in coma indotto ed è collegato ad un apparato di respirazione artificiale. I medici tedeschi in precedenza avevano determinato e reso pubblica una diagnosi preliminare: "avvelenamento con una sostanza del gruppo degli inibitori della colinesterasi".

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook