02:26 28 Settembre 2020
Politica
URL abbreviato
0 12
Seguici su

L'alto rappresentante per la politica estera e sicurezza dell’UE, Josep Borrell, si è recato oggi in una visita al Cairo, dove ha incontrato il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry. Le parti hanno discusso tra altri temi anche la situazione in Libia.

“Le "linee rosse" disegnate dall'Egitto aiutano a mantenere il cessate il fuoco in Libia (...) L'Egitto ha svolto un ruolo fondamentale nel mantenimento del cessate il fuoco in Libia", ha dichiarato Borrell in una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry.

Il capo della diplomazia europea ha ribadito che l’Unione Europea insiste sul “ritiro dei mercenari stranieri dalla Libia e sul rispetto dell’embargo sulle armi”.

"Il continuo flusso di armi verso la Libia esacerberà la crisi in questo paese", ha aggiunto l'alto rappresentante per la politica estera e sicurezza dell’UE.

Ruolo dell'Egitto in Libia

A fine giugno il presidente egiziano Abdel Fattah ha affermato che il suo paese sarebbe pronto ad aiutare le tribù libiche nella lotta contro le interferenze straniere e qualsiasi intervento diretto egiziano in Libia sarebbe legittimo. Tale dichiarazione è arrivata dopo che il parlamento della Libia orientale aveva dato il permesso alle forze armate egiziane di intervenire nel conflitto libico.

Secondo il presidente egiziano, la "linea rossa" per l'avanzamento delle truppe leali al Governo di Accordo Nazionale (GNA) è la città di Sirte, situata a circa 900 chilometri dal confine con l'Egitto, e la provincia di Jufra.

Guerra in Libia

In Libia prosegue lo scontro tra il Governo di Accordo Nazionale Fayez al-Sarraj, che controlla Tripoli e territori nella parte occidentale del paese, e l'Esercito Nazionale Libico (LNA) guidato dal maresciallo Khalifa Haftar.

Entrambe le parti in conflitto accusano gli avversari, affermando che essi ricevono aiuti dall’estero con armi e militari.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook