14:52 24 Settembre 2020
Politica
URL abbreviato
0 02
Seguici su

La Turchia è pronta a negoziare una soluzione per porre fine alle dispute territoriali con la Grecia sui confini della piattaforma continentale nel Mediterraneo orientale, ha dichiarato oggi il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu.

"A condizione che la Grecia sia pronta al dialogo, siamo pronti a negoziare, sostenendo una giusta allocazione delle risorse", ha detto Cavusoglu in una conferenza stampa ad Ankara.

Allo stesso tempo il ministro ha condannato i presunti passi unilaterali di Atene per isolare Ankara nella regione, così come il dispiegamento di truppe greche sull'isola di Castelrosso (Megisti), che la Turchia sostiene essere una zona smilitarizzata ai sensi dei trattati di pace di Parigi del 1947.

"Solo agenti di polizia e gendarmi possono trovarsi sull'isola. Se la parte greca cerca di superare i limiti consentiti alle forze militari, finirà per perdere", ha avvertito il capo della diplomazia di Ankara.

In precedenza il ministero degli Esteri greco ha accusato la Turchia di provocazioni e di compromettere la stabilità nel Mediterraneo orientale, esortando Ankara a fermare le esplorazioni nelle zone contese 

Le tensioni turco-greche nel Mediterraneo orientale si sono intensificate dopo che Ankara ha iniziato le perforazioni esplorative nelle acque rivendicate dai greci all'inizio di agosto. Atene considera questo territorio come una sua zona economica esclusiva e ha mobilitato le sue forze armate, promettendo di proteggere i suoi diritti sovrani con tutti i mezzi necessari.

Ieri il presidente turco Erdogan aveva minacciato Grecia e Francia, schieratasi con Atene, rilevando che Ankara è disposta a tutto per far valere i suoi interessi nazionali.

Tags:
Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, Mar mediterraneo, Grecia, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook