13:06 28 Novembre 2020
Politica
URL abbreviato
11525
Seguici su

Il Ministro degli Esteri italiano ha chiesto al suo omologo cinese, in visita in Italia, di rispettare l'indipendenza dell'ex colonia britannica. "Abbiamo fatto la legge sulla sicurezza per garantire i diritti di tutti e l'autonomia", lo ha rassicurato Wang.

A Hong Kong "è indispensabile preservare l'alto grado di autonomia e libertà. Seguiremo con molta attenzione i risvolti della nuova legge sulla sicurezza nazionale", ha detto Luigi Di Maio in conferenza stampa con Wang Yi.

Il Ministero degli Esteri cinese ha replicato con la sua visione della scottante questione, focalizzandosi anche sul "rispetto dello spirito di non ingerenza". 

"Con il ministro Di Maio ci siamo confrontati su Hong Kong nel rispetto di uno spirito di non ingerenza. Gli ho detto che il motivo della legge sulla sicurezza è colmare le falle che esistevano da tanti anni e combattere gli atti violenti che avvengono dappertutto nell'isola. Abbiamo fatto la legge per garantire i diritti di tutti e l'autonomia", ha garantito Wang Yi. 

Già in passato Di Maio aveva espresso preoccupazione in merito all'approvazione della legge sulla sicurezza nazionale, ribadendo il principio "un Paese, due sistemi".

Joshua Wong, leader dei giovani di Hong Kong, aveva comunque giudicato troppo morbida la linea di condotta del ministro degli Esteri italiano nei confronti dell'operato cinese, a suo dire per non compromettere i rapporti commerciali con il gigante asiatico. 

Tags:
Hong Kong, Italia, Cina, Wang Yi, Luigi Di Maio
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook