22:07 19 Settembre 2020
Politica
URL abbreviato
128
Seguici su

L'annuncio della nuova candidatura a sindaco di Roma dell'esponente del M5S contravviene la regola del movimento di un solo mandato. Ma le critiche alla mossa politica dagli esponenti degli altri partiti non giungono solo per questo.

Pochi giorni fa il sindaco di Roma Virginia Raggi ha annunciato la sua nuova candidatura alle elezioni comunali del prossimo anno.

Una scelta che ha messo in crisi uno dei pilastri del M5S, il mandato unico, che però gli iscritti si sono dichiarati d'accordo nel bypassare.

Una scelta che non è certo passata inosservata e a sottolineare il cambio di rotta del movimento fondato da Grillo e Casaleggio è stato con un tweet il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

​Ancora più duro e diretto il commento del segretario del PD Nicola Zingaretti, che ha reputato l'operato della Raggi come la causa di "cinque anni drammatici per Roma".

“Non capisco il polverone alzato dalla non notizia della ricandidatura di Raggi ad un secondo mandato da sindaco di Roma. Noi non la sosterremo mai perché credo siano stati 5 anni drammatici per la capitale e occorre ora dare voce alla città”, ha detto nella conferenza stampa ad Orbetello per sostenere il candidato alle Regionali Eugenio Giani.

Addirittura sprezzante Matteo Salvini, che preannuncia alla Raggi il fatto che "l’anno prossimo non ti voteranno manco i tuoi vicini di casa!".

​​Salvini ha controbattuto esponendo il progetto del suo partito per Roma, a cui ha chiamato a contribuire anche i suoi follower. 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook