03:25 03 Dicembre 2020
Politica
URL abbreviato
11217
Seguici su

A Cerignola si è tenuto il punto stampa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Nei giorni in cui l'emergenza migranti è tornata a farsi sentire, con numerosi sbarchi avvenuti a Lampedusa nelle scorse ore, sulla questione dell'immigrazione è intervenuto il premier Giuseppe Conte, annunciando una politica di tolleranza zero nei confronti degli ingressi irregolari.

"Non possiamo tollerare che si entri in Italia in modo irregolare. Non possiamo permettere che i sacrifici siano vanificati", ha spiegato Conte durante il punto stampa da Cerignola.

Il capo del governo ha quindi sottolineato come l'italia in questo momento di crisi legato alla pandemia di Covid-19 non possa permettersi il lusso di commettere errori:

"Non si entra in Italia in questo modo e soprattutto in questo momento di fase acuta non possiamo permettere che la comunità internazionale sia esposta ad ulteriori pericoli non controllabili. Ci sono migranti che tentato di sfuggire alla sorveglianza sanitaria: non ce lo possiamo permettere. Dobbiamo essere duri e inflessibili", ha ribadito Conte.

Il premier ha quindi ribadito come il governo abbia sempre messo "al primo posto la tutela della vita e della salute dei cittadini" nel gestire l'emergenza:

"Ovviamente siamo molto responsabili. Non possiamo trascurare e rimanere indifferenti alla recessione economica che l'Italia, l'Europa e tutto il mondo sta affrontando. Stiamo contemperando questi interessi. Al primo posto sappiamo cosa c'è e per questo che raccomandiamo e continueremo a raccomandare il rispetto di queste minime minime regole precauzionali", ha dunque concluso.

Gli sbarchi a Lampedusa

Intanto la scorsa notte a Lampedusa sono sbarcati altri 200 migranti, giunti sulla terraferma a bordo di otto diversi barchini.

Continua ad essere insostenibile la situazione all'hotspot di contrada Imbriacola dove, a fronte di una capienza nominale di 95 persone, sono ospitati oltre 900 migranti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook