19:25 05 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
0 114
Seguici su

Donald Trump ha ripetutamente suggerito che le elezioni di novembre potrebbero diventare fraudolente se la votazione per corrispondenza venisse ampiamente utilizzata a causa della pandemia di COVID-19.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha suggerito di ritardare le elezioni presidenziali di novembre per evitare frodi che potrebbero derivare dal voto per corrispondenza.

Trump ha twittato giovedì che le votazioni per corrispondenza porterebbero "alle elezioni più imprecise e fraudolente" nella storia degli Stati Uniti.

“Sarebbe un grande imbarazzo per gli Stati Uniti. (Bisogna) ritardare le elezioni fino a quando le persone potranno votare in modo corretto, sicuro e protetto", ha scritto.

Si presenta come la critica più forte di Trump al sistema di voto per corrispondenza, che dovrebbe essere impiegato negli Stati Uniti per le elezioni incombenti durante la pandemia di coronavirus.

Trump pensa che il voto per corrispondenza porterà ad "elezioni fraudolente"

Trump ha ripetutamente suggerito, senza fornire prove, che il voto per corrispondenza porterà a frodi e danneggerà le sue possibilità di rielezione. La scorsa settimana ha affermato, ad esempio, che i governi stranieri avrebbero contraffatto "milioni" di votazioni per corrispondenza.

Il procuratore generale William Barr, alleato del presidente, ha diffuso la stessa teoria il mese scorso. Quando gli sono state fatte domande specifiche sui suoi commenti martedì, ha detto a un comitato giudiziario della Camera di non avere prove del fatto che i paesi stranieri avrebbero potuto truccare con successo le elezioni americane con voti falsi, ma ha insistito sul fatto che avrebbe "avuto senso" il fatto che avrebbero cercato di farlo.

I critici hanno accusato il presidente di aver attaccato il voto a distanza per seminare dubbi sull'equità delle elezioni del 2020 e gettare le basi per poter poi criticare i risultati nel caso non lo soddisfacessero.

Secondo la CNN, l'amministrazione Trump è impegnata in battaglie legali in almeno 13 stati, in cui i democratici stanno cercando di espandere le regole di voto per corrispondenza, con l'obiettivo di respingere la raccolta dei voti, ovvero la raccolta dell'invio di voti per corrispondenza da parte di soggetti terzi, volontari o lavoratori, piuttosto che presentazione da parte degli elettori stessi in alcuni Stati. 

Correlati:

Trump non convinto dalla necessità di difendere la Germania dalla Russia
Il Consigliere per la Sicurezza di Donald Trump è positivo al COVID-19
Dopo Trump, Biden è "sempre m**da": la frase shock dell'ex capo campagna di Bernie Sanders
Tags:
voto
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook