19:25 05 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
243
Seguici su

A sostenere questa tesi è Florian Philippot, ex esponente del Fronte Nazionale e leader del partito politico "I Patrioti" (Les Patriotes), formazione di destra euroscettica.

Nonostante Macron apprezzi l'accordo sul piano storico d'aiuti per affrontare la crisi post-Covid, secondo Florian Philippot, leader del partito Les Patriots (I Patrioti), la Francia ne esce sconfitta. Le erogazioni di fondi saranno subordinate a "misure neoliberali dure" secondo lo scenario greco. In Francia l'unico vincitore dal punto di vista ideologico dell'accordo europeo è Macron, dal momento che la Ue ha fatto un passo verso il federalismo. A differenza della Germania, tuttavia, la Francia non guadagnerà attraverso le esportazioni, poiché l'euro ha distrutto la sua industria, ha concluso il politico in un'intervista con Sputnik.

"Si tratta di un nuovo metodo perché riguarda un impegno finanziario comune, ma il concetto è lo stesso, è persino peggiorato. Saranno erogati fondi ai Paesi in cambio del perseguimento delle politiche secondo lo scenario greco: politiche neoliberali e politiche di austerità."

Philippot contesta in particolare la mancata libertà d'azione dei singoli Stati una volta ricevuto gli aiuti del Recovery Fund.

"Gli Stati non saranno in grado di usare i loro soldi come vogliono. E' una questione di controllo e supervisione totale sugli Stati membri".

Il politico euroscettico spiega i vantaggi ottenuti dai Paesi rigorosi a seguito dell'accordo raggiunto a Bruxelles.

"I Paesi virtuosi hanno difeso i loro interessi nazionali ricevendo ulteriori sconti sui loro contributi. Anche se inizialmente Macron ha affermato che le concessioni dovrebbero essere abbandonate", ricorda il politico.

Relativamente alla Francia, Philippot giudica l'accordo nefasto e vantaggioso solo per l'interesse personale del capo di Stato Emmanuel Macron.

"La Francia è perdente a tutti i livelli: otterremo molto meno degli impegni che assumiamo. I fondi che riceviamo possono essere utilizzati subordinatamente all'applicazione di misure di austerità. Inoltre pagheremo gli sconti previsti per i Paesi virtuosi e la Germania. L'unico francese che beneficia di questo accordo è Macron. Da parte sua, questa è una scelta ideologica ... A differenza della Germania, la Francia non trarrà alcun vantaggio dalle sue esportazioni, poiché l'euro ha contribuito alla distruzione della nostra industria. Ci stiamo muovendo verso la sovranità europea di cui parla Macron, ma questa sovranità non appartiene al popolo".

Ricordiamo che oggi il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte ha definito l'accordo europeo anti-crisi come un risultato che "appartiene all'Italia intera".

Recovery Fund: l'accordo raggiunto in Europa

Secondo quanto reso noto, il volume totale del Recovery Fund, soprannominato New Generation EU o NGEU, rimarrà al livello della precedente proposta pari a 750 miliardi di euro. I fondi saranno presi in prestito dalla Commissione Europea nei mercati finanziari. Allo stesso tempo il saldo tra sussidi e prestiti nel fondo NGEU cambierà: gli aiuti a fondo perduto scendono da 500 a 390 miliardi di euro, mentre il capitale prestato sale da 250 a 360 miliardi di euro. Secondo Conte "con 209 miliardi l'Italia ha migliorato l'intervento a suo favore rispetto alla proposta originaria della presidente von der Leyen".

Il 70% del Recovery Fund dovrebbe essere utilizzato nel 2021-2022 in base ai criteri della Commissione Europea, un altro 30% nel 2023. Il rimborso del debito paneuropeo nell'ambito di questo fondo deve essere completato entro il 31 dicembre 2058.

Ogni Paese beneficiario del fondo dovrà presentare all'UE un piano per la ripresa dell'economia nazionale con l'aiuto di fondi europei, nonché piani di investimento. I piani nazionali finanziati dall'UE dovranno essere analizzati e ricevere l'approvazione da parte di una maggioranza qualificata dei 27 Stati europei.

Tags:
Coronavirus, euroscetticismo, Unione Europea, Emmanuel Macron, Francia, Florian Philippot
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook