08:32 26 Novembre 2020
Politica
URL abbreviato
106
Seguici su

Eliminare ogni forma di assistenzialismo e puntare sul lavoro è questo che chiede Matteo Renzi con il suo partito Italia Viva e sul Dl semplificazioni si prende il merito dello sblocco dei cantieri.

Matteo Renzi torna sul tema dell’assistenzialismo e chiede al governo di fermare il reddito di cittadinanza: “basta reddito di cittadinanza, sussidi e assistenzialismo”.

Renzi è tornato sull’argomento durante la presentazione del suo libro in una libreria di Roma.

Per quanto riguarda lo sblocco dei cantieri e le 130 opere pubbliche da realizzare inserite ieri nel decreto legge semplificazioni, Renzi si prende il merito e afferma:

“È stato approvato il piano shock in piccolo nel decreto Semplificazioni. Il vero ruolo di Italia Viva è questo: ci dicono che siamo folli e poi ci danno ragione”.

Ieri Matteo Renzi al termine del Consiglio dei ministri che aveva trovato un punto di caduta sul decreto semplificazioni, aveva scritto:

“Ciò che esce dal consiglio dei ministri non è interamente il #PianoShock come noi l’avevamo designato ma è un passo in avanti importante nella direzione indicata da Italia Viva. Adesso apriamo i cantieri e chiudiamo le polemiche. L’Italia ha bisogno di lavoro, non di assistenzialismo”.

Spagna e il reddito vitale

Questa mattina, intanto, il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez nell’intervista rilasciata al Corriere della Sera ha parlato anche dell’attività del governo volta a preservare il lavoro di tre milioni di dipendenti per evitare che rimanessero senza stipendio, per evitare i licenziamenti e introducendo il reddito minimo vitale, “una misura simile al vostro reddito di cittadinanza” ha detto Sanchez.

Correlati:

Di Maio: meno burocrazia grazie al Dl Semplificazioni
Dl Semplificazioni, per Salvini e Meloni da Conte solite chiacchiere
Dl Semplificazioni, Fontana: "Iniziare le opere per le Olimpiadi"
Tags:
Italia Viva, Matteo Renzi
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook