03:50 25 Settembre 2020
Politica
URL abbreviato
122
Seguici su

Il sondaggio politico di oggi scatena il malumore di Andrea Orlando del Pd, che accusa le scissioni del secondo posto del suo partito dietro la Lega di Salvini. Pronta risposta di Calenda e Gori.

Basta un sondaggio politico a scatenare la polemica e il lancio di accuse incrociate tra membri di alto profilo del Partito Democratico ed ex-PD.

Il sondaggio, tra gli innumerevoli che ogni settimana fotografano pressoché lo stesso scenario politico, è quello di Bidimedia, secondo il quale il Pd sarebbe a 5 punti percentuali dalla Lega per Salvini Premier.

Uno scenario noto da settimane a chi legge costantemente sondaggi politici, eppure questa volta a qualcuno nel Pd non è andato giù il risultato che indica solo le intenzioni di voto degli italiani e non il loro reale voto.

​A stretto giro è giunta la risposta di Carlo Calenda che ha fondato un suo partito, Azione, che in alcuni sondaggi ha superato addirittura Italia Viva.

​Calenda sull’argomento mostra però di essere poco sereno e molto scontroso e ad un utente che gli ha rimproverato di essere andato via gli ha scritto di andarsi a fare un giro.

Un po’ ironico risponde a Orlando il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, il quale aveva chiesto un cambio di passo alla guida del Pd pochi giorni fa.

“Pensa il Psi: se nel ‘21 non avesse subito la scissione di Livorno a quest’ora dove stava.”

Sondaggio politico, e nel centrosinistra scatta il litigio

Insomma, nel centrosinistra basta un sondaggio politico per animare i vari partiti e partitini, per scatenare la rissa tra scissionisti e scissi e chi vorrebbe un cambio al vertice.

Nel frattempo…

Intanto la Lega è al 26,6%, Fratelli d’Italia al 14,1% e Forza Italia al 5,9%. Loro sono una coalizione unita (almeno per ora che non governano) e valgono insieme il 46,6%.

Allo stato attuale dello scenario politico italiano, date le scissioni e i litigi a sinistra, la destra potrebbe governare almeno per un mandato politico di 5 anni pieno.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook