22:57 12 Luglio 2020
Politica
URL abbreviato
170
Seguici su

Il Comune di Verona aderisce alla proposta referendaria di Vittorio Sgarbi volta a portare fuori dall'Unione Europea l'Italia. Il Pd veronese si indigna e reputa un errore politico la scelta.

Vittorio Sgarbi e il suo movimento politico avevano presentato giorni fa una proposta referendaria volta a condurre l’Italia fuori dall’Unione Europea.

La raccolta firme è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale numero 136 del 28 maggio 2020. In questo modo i cittadini possono recarsi presso il proprio comune di residenza e chiedere di depositare la propria firma a favore del referendum.

A Verona, però, denuncia il Pd, si è andati oltre perché il Comune ha aderito all’iniziativa referendaria promossa dal comitato “Libera L’Europa – UEXIT”.

“Finché si parla di dare la disponibilità ad una richiesta di democrazia, per quanto balzana, presentata nei termini previsti dalla nostra Costituzione, è un conto. Ma che il Comune di Verona, città da sempre aperta aperta all’Europa e al mondo, fornisca un’adesione politica ad una iniziativa simile, è inaccettabile”, hanno scritto i consiglieri comunali piddiellini Federico Benini, Elisa La Paglia e Stefano Vallani, come riportato dall’Huffingtonpost.

Il Pd ritiene un grave errore la decisione del Comune di Verona perché, dicono, il sindaco dovrà poi spiegare ai suoi cittadini che i fondi che arriveranno per la città dall’Europa attraverso il Recovery Fund lui non li vuole.

Correlati:

Italexit, in arrivo progetto di legge di "Italia Libera"
Calenda a Salvini: "Allora vuoi l'Italexit?"
Sgarbi promuove la sua Italexit: ‘L’Italia aveva una sua dignità di Paese’
Tags:
Italexit, Verona
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook