14:37 30 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
2110
Seguici su

Kim Yo-jong, sorella minore del leader nordcoreano Kim Jong-un e vice direttore del comitato centrale del Partito del Lavoro di Corea, ha dichiarato che il suo Paese prenderà presto nuove misure contro la Corea del Sud, riporta l'Agenzia Centrale di Stampa Coreana (Kcna).

"Penso che ora sia il momento di terminare con certezza le relazioni con le autorità sudcoreane. Presto intraprenderemo il prossimo passo. Usando il potere che mi è stato dato dal leader principale, dal nostro partito e dal Paese, ho dato mandato al dipartimento per i rapporti con il nemico di fare il passo successivo con decisione", l'agenzia nordcoreana Kcna riporta le parole dell'importante funzionario di Pyongyang.

Ha notato che il diritto di compiere il prossimo passo sarà concesso allo Stato maggiore dell'esercito popolare di Corea.

All'inizio di questo mese Kim Yo-jong aveva rilasciato una dichiarazione di condanna per la continua distribuzione di volantini anti-nordcoreani da parte di gruppi di disertori che vivono in Corea del Sud. In aggiunta ha paventato, in assenza di misure efficaci, di porre fine al distretto industriale comune di Kaesong, così come la chiusura dell'ufficio comune di comunicazioni e il ritiro dall'accordo militare tra Pyongyang e Seul.

Successivamente il governo di Pyongyang ha annunciato la cessazione di ogni comunicazione ufficiale con Seul per la disputa sulla propaganda contro la Corea del Nord.

Tags:
Politica Internazionale, Corea del Nord, Penisola coreana, Corea del Sud, Kim Yo-jong
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook