09:46 29 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
La morte di George Floyd (92)
133
Seguici su

All'inizio di questa settimana, Johnson ha dichiarato di non "asseconderà coloro che infrangono la legge, che attaccano la polizia, che profanano i monumenti pubblici".

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato venerdì che è "assurdo e vergognoso" che oggi un monumento a Winston Churchill sia a rischio di attacco da parte di manifestanti violenti.

​Johnson ha anche messo in guardia le persone dal tentare di riscrivere la storia.

Ha aggiunto che le manifestazioni antirazzismo nel Regno Unito sono state "dirottate dagli estremisti".

​Durante una manifestazione a Londra all'inizio di questa settimana, un manifestante ha imbrattato con le parole "era un razzista" un monumento a Winston Churchill, primo ministro del paese dal 1940 al 1945 e dal 1951 al 1954. In precedenza a Bristol, una statua del commerciante di schiavi Edward Colston è stata staccata dalla sua base e scaricata in un fiume.

Boris Johnson ha dichiarato di vedere la rimozione del monumento come un atto criminale. In seguito ha affermato che non "asseconderà coloro che infrangono la legge, che attaccano la polizia, che profanano i monumenti pubblici", aggiungendo che i manifestanti violenti "dovranno rispondere davanti alla legge" per le loro azioni.

Le proteste nel Regno Unito continuano da oltre una settimana, a seguito di raduni a livello nazionale negli Stati Uniti che sono stati provocati dalla morte di George Floyd durante l'arresto della polizia a Minneapolis il 25 maggio. Le persone sono scese in piazza in tutto il mondo per protestare contro la "brutalità della polizia e il razzismo".

Tema:
La morte di George Floyd (92)

Correlati:

Boris Johnson dice sì agli italiani in arrivo nel Regno Unito: "tutti benvenuti"
L’uomo dietro il trono: perché Dominic Cummings è così indispensabile per Boris Johnson
Brexit, Boris Johnson insiste: il 31 dicembre fuori dalla UE anche senza accordo
Tags:
Boris Johnson
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook