03:43 22 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
0 10
Seguici su

Il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha annunciato una nuova iniziativa per la tregua in Libia, che prevede un cessate il fuoco e un accordo politico tra le parti belligeranti.

"L'iniziativa per la Libia mira a porre fine alle ostilità, include il ritiro delle forze straniere e il disarmo dei gruppi", ha detto Al-Sisi a seguito di un incontro con il comandante dell'esercito nazionale libico, il maresciallo Khalifa Haftar e il capo del Parlamento di Tobruk, in Cirenaica, Aguila Saleh Issa.

Secondo il capo di Stato egiziano, l'iniziativa implica anche la pari rappresentanza delle tre regioni nel consiglio presidenziale, l'unificazione delle istituzioni statali libiche e l'adozione di una dichiarazione costituzionale.

Il Cairo sostiene l'accordo per la tregua in Libia dalle 6 dell'8 giugno, ha aggiunto al-Sisi, rilevando che l'iniziativa richiede anche il rispetto di tutti gli sforzi internazionali, il ritiro dei combattenti stranieri e il disarmo dei gruppi.

"Mettiamo in guardia tutte le parti in Libia dal rischio di voler continuare a prendere in considerazione una soluzione militare per la crisi", ha concluso il presidente egiziano.

Dopo il rovesciamento e l'assassinio del leader libico Muammar Gheddafi nel 2011, la Libia ha praticamente smesso di esistere come uno Stato unitario. Nel Paese esistono di fatto 2 Stati. Il parlamento eletto dal popolo si trova in Cirenaica (est del Paese), mentre ad ovest, nella capitale Tripoli, è in carica il governo d'accordo nazionale, guidato dal premier Fayez al-Sarraj, che gode del riconoscimento delle Nazioni Unite e dell'Unione Europea.

Le autorità della parte orientale del Paese operano indipendentemente da Tripoli e cooperano con l'Esercito Nazionale Libico, guidato dal maresciallo Khalifa Haftar, che ha avviato un'offensiva per prendere il controllo di Tripoli.

Tags:
Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, Abdel Fattah al-Sisi, tregua, Khalifa Haftar, Libia, crisi in Libia, Egitto
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook