03:58 11 Luglio 2020
Politica
URL abbreviato
162
Seguici su

Oggi Vladimir Putin ha avuto un incontro nel formato di videoconferenza con ecologisti e animalisti, con cui ha discusso la situazione d'emergenza a Norilsk a seguito della fuoriuscita di gasolio nel terreno e nei fiumi Ambarnaya e Daldykan.

Il capo di Stato russo ha chiesto di essere informato in dettaglio sullo sviluppo della situazione sul campo e soprattutto quali misure urgenti vengono intraprese e sono già state prese e quali soluzioni sono state preparate per ridurre al minimo le conseguenze dell'incidente.

Il ministro delle Situazioni d'Emergenza russo Evgeny Zinichev ha a sua volta affermato che la perdita di carburante è stata localizzata e contenuta.

"L'emergenza è localizzata e isolata, pertanto non ci saranno ulteriori conseguenze", ha detto Zinichev nell'incontro con il capo di Stato.

Vladimir Putin ha inoltre disposto di modificare la legislazione ambientale prima della fine della sessione di primavera del Parlamento, in modo che incidenti come quelli di Norilsk non si ripetano più in futuro.

"Chiedo al governo, insieme ai parlamentari, di completare i lavori per introdurre cambiamenti fondamentali nella legislazione ambientale con l'obiettivo di scongiurare tali situazioni. Tutto questo dovrebbe concretizzarsi a breve, prima della fine dell'attuale sessione parlamentare", ha affermato Putin.

Rosprirodnadzor, l'authority russa per la salvaguardia ambientale, dovrebbe realizzare controlli approfonditi sulle condizioni di tutte le strutture simili a quelle della centrale termoelettrica di Norilsk, di concerto con il ministero delle Situazioni d'Emergenza e alle forze dell'ordine, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin.

"Chiedo a Rosprirodnadzor di analizzare a fondo le condizioni di strutture simili in tutto il Paese, se necessario organizzare ispezioni, coinvolgendo anche gli esperti del ministero delle Situazioni d'Emergenza e delle forze dell'ordine", ha affermato Putin.

Una delle cisterne dove veniva stoccato il gasolio della centrale termoelettrica di Norilsk è rimasta danneggiata a seguito del cedimento della struttura su cui poggiava; sono fuoriusciti circa 21mila metri cubi di carburante nei terreni circostanti e nei fiumi Ambarnaya e Daldykan. La società Nornikel ritiene che il cedimento sia dovuto al riscaldamento del permafrost, che ha accentuato la pressione sui piloni della struttura. Nella regione siberiana di Krasnoyarsk è stato introdotto lo stato di emergenza a livello federale. Oggi il ministero delle Situazioni di Emergenza ha segnalato la localizzazione e il contenimento della fuoriuscita.

Tags:
Vladimir Putin, Inquinamento, Ambiente, Incidente, Siberia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook