09:30 29 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
23110
Seguici su

I gilet arancioni italiani sono scesi in piazza a Roma quest'oggi in occasione della 74esima Festa della Repubblica.

Il movimento, nato su iniziativa dell'ex generale dei carabinieri Antonio Pappalardo, chiede la fine del governo Conte e l'avvio di un nuovo governo nazionale, l'elezione di un'assemblea costituente per approvare una nuova legge elettorale.

Segui la diretta della manifestazione di oggi:

Tra le richieste effettuate nei vari raduni svolti in varie piazze d'Italia, anche quella di ricostituire una moneta propria, per aiutare le famiglie italiane: "promuovere l'introduzione di una moneta, chiamata nuova lira italica, poter sostenere le famiglie e le imprese italiane" la richiesta del coordinatore regionale Renato Calcari.

Pappalardo: "La pandemia è una boiata"

Dal palco improvvisato in Piazza del Popolo, Antonio Pappalardo si è rivolta alle circa cento persone scese in piazza con lui:

"A quanto pare il coronavirus ha paura di me e non mi attacca. Gli esperti internazionali dicono che questa pandemia è una boiata", ha incalzato Pappalardo, il quale si è poi detto pronto a prendere "a schiaffi chi vuole mettermi la mascherina"

Non sono mancati poi attacchi diretti il governo e a presidente Mattarella, accompagnati da slogan per il ritorno alla Lira:

"Sono tutti impiegati, compreso il capo dello Stato che gira la testa dall'altra parte. E il capo del governo con gravissimi reati e ne deve rispondere con la sua testa", ha continuato Pappalardo, esortando poi la gente ad uscire "dal guscio", a scendere in piazza e a ribellarsi.
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook