19:20 29 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
365
Seguici su

I commenti del presidente turco arrivano il giorno dopo che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ribadito la sua intenzione di "applicare la sovranità in modo saggio in Giudea e Samaria", chiamando parti della Cisgiordania con i loro nomi biblici.

Domenica, in un discorso televisivo per la festa musulmana di Eid al-Fitr, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha minacciato Israele del piano del suo nuovo governo di rivendicare parti della Cisgiordania.

"Stiamo assistendo a un nuovo piano di occupazione e annessione da parte di Israele che minaccia la sovranità palestinese ed è contrario al diritto internazionale", ha affermato Erdogan, aggiungendo che la Turchia è "l'unica voce che difende i palestinesi oggi".

Il capo di stato turco ha continuato affermando che il suo paese "non consentirà l'appropriazione di terre palestinesi a nessuno", denunciando l'attuale "ordine mondiale":

"L'ordine mondiale ha deluso i palestinesi e non ha portato con successo pace, giustizia, sicurezza e ordine in questa parte del mondo".

Si riferiva a Gerusalemme e al Monte del Tempio come il luogo "santo a tre religioni", soprannominandolo "la linea rossa" per i musulmani di tutto il mondo.

Lunedì, durante un incontro a porte chiuse, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ribadito la data di luglio stabilita nell'accordo di coalizione recentemente inaugurato del paese per dare il via al processo di estensione della sovranità, e ha chiarito ai suoi legislatori di Likud che non ha intenzione di tornare indietro sulla decisione.

"Abbiamo un'opportunità che non esisteva dal 1948 per applicare la sovranità in modo saggio e come passo diplomatico in Giudea e Samaria, e non lasceremo che questa opportunità ci scappi", ha affermato Netanyahu citato dal Times of Israel. Nei suoi commenti, ha indicato l'anno in cui è stato istituito lo Stato di Israele e ha optato per i nomi biblici per riferirsi al territorio della Cisgiordania.

Questi sono stati i primi commenti pubblici fatti dal primo ministro israeliano da quando è apparso in tribunale domenica mentre sono iniziate le controversie in tre casi di corruzione contro di lui.

I piani di Israele

In base all'accordo di coalizione tra Netanyahu e Benny Gantz di Blu-Bianco, il ministro della difesa, il primo ministro può portare avanti i suoi piani in Cisgiordania. Il complesso accordo siglato il mese scorso con Gantz prevede che il primo ministro possa presentare la sua proposta formale di fronte agli insediamenti lì il 1° luglio e, a quel punto, sarà richiesta l'approvazione del Gabinetto o della Knesset.

I piani di Netanyahu sono conformi al piano per il Medio Oriente presentato dall'amministrazione americana a gennaio, che va bene estendendo la sovranità israeliana a circa il 30 percento della Cisgiordania.

Tuttavia, l'intero piano di pace, ampiamente oscurato negli ultimi mesi dalla furiosa pandemia di coronavirus, è stato respinto dai palestinesi, che considerano la Cisgiordania il territorio di un futuro stato palestinese.

La scorsa settimana il presidente dell'Autorità palestinese Mahmoud Abbas ha annunciato che avrebbe tagliato tutti i legami di sicurezza con Israele a causa delle intenzioni dichiarate di Netanyahu.

Correlati:

Vertice telefonico Turchia-Iran, da Erdogan e Rouhani via libera alla riapertura dei confini
Siria, Assad ha vinto. Il prossimo bersaglio dell’Occidente è Erdogan?
Coronavirus, in Turchia si dimette il ministro degli Interni ma Erdogan non accetta
Tags:
Erdogan, Benjamin Netanyahu
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook