22:23 04 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
207
Seguici su

I primi tamponi al coronavirus del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e delle persone con cui ha avuto contatti di recente sono risultati negativi. Tuttavia, Netanyahu rimarrà in autoisolamento fino ad ulteriori raccomandazioni del ministero della Salute del paese.

Nel pomeriggio di oggi è arrivata la notizia dell'esito positivo di un’impiegata del governo israeliano. Dopo i primi accertamenti era emerso che Netanyahu non aveva avuto contatti con lei e non aveva quindi necessità di sottoporsi ad isolamento. Poche ore dopo l’ufficio del premier ha riferito invece che è Netanyahu è entrato in quarantena, come i suoi più stretti consiglieri.

"I test al coronavirus del primo ministro, della sua famiglia e dei suoi contatti più stretti hanno dimostrato che nessuno di loro è contagiato", ha affermato l'ufficio del premier israeliano.

L’ufficio sottolinea che “il primo ministro rimarrà isolato fino a ulteriori raccomandazioni da parte del ministero della Salute”.

L’impegata risultata positiva al COVID-19, come riportato dal canale tv Reshet 13, è Rivka Paluch, consigliere del governo per le relazioni con gli ultraortodossi. Lei aveva avuto contatti con il premier, il che è emerso da un'indagine del ministro della Salute, condotta attraverso l'analisi di immagini registrate.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook