18:30 29 Novembre 2020
Politica
URL abbreviato
13169
Seguici su

L’escalation delle violenze nella provincia siriana di Idlib rende la possibilità del conflitto con la Turchia più alta e Washington discute con Ankara l’opzione di azioni congiunte. Lo ha affermato oggi il segretario di stato degli USA Mike Pompeo.

Il segretario di stato americano Mike Pompeo, parlando oggi ai giornalisti, ha criticato Damasco per l'offensiva contro i miliziani nel nord della Siria. Inoltre, Pompeo ha definito l’operazione come “un’atto di aggressione con il cinico sostegno da parte di Mosca e Teheran”.

“Come avevamo già detto numerose volte, il regime (siriano, ndr) non otterrà una vittoria militare. L’offensiva, lanciata dalle forze del regime, solo aumenta la possibilità del conflitto con il nostro alleato della NATO, la Turchia. La soluzione al problema è il cessate il fuoco costante e le trattative in conformità con la risoluzione 2254 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Come dichiarato dal presidente Trump, noi siamo in contatto con la Turchia, ed ora stiamo valutando quali misure possiamo intraprendere insieme”, ha dichiarato il segretario di stato.

“Il cessate il fuoco è difficile da raggiungere. Questo problema complesso dura ormai da molto tempo”, ha aggiunto.

“Tutte le proposte di cessate il fuoco sono state annientate da Assad, russi e iraniani. Tutti gli sforzi delle Nazioni Unite per convocare un comitato costituzionale sono stati sovvertiti da queste tre parti”, ha detto Pompeo.

La situazione in Siria

Il mese scorso l'esercito siriano ha lanciato un'offensiva ad Idlib e Aleppo a seguito degli attacchi terroristici quotidiani nelle zone residenziali, in cui rimanevano uccisi decine di civili.

Sullo sfondo dell'escalation ad Idlib, Ankara ed alcuni suoi partner accusano Damasco di aver attaccato strutture umanitarie e militari turchi, e Mosca di non aver rispettato gli accordi. La Russia e la Siria hanno ripetutamente risposto sostenendo che la causa dell'instabilità nella regione sono le azioni dei terroristi.

Nella giornata di ieri le forze antigovernative, insieme alle forze armate turche, hanno lanciato un’operazione di terra contro il villaggio di Nerab, attualmente controllato dalle forze governative siriane. In seguito ai combattimenti intensi l’esercito di Damasco ha respinto l’attacco.

Tags:
Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook