08:49 10 Aprile 2020
Politica
URL abbreviato
0 05
Seguici su

Il Movimento 5 stelle si libera di Virginia Raggi grazie al suo regolamento. Alle elezioni comunali del 2021 non potrà ricandidarsi per regolamento e lei ironizza sui social.

Un Virginia Raggi bis come sindaco di Roma Capitale? Il no del M5s è già stato recapitato via etere da Roberta Lombardi, consigliera regionale e capogruppo del Movimento alla Regione Lazio.

In una intervista rilasciata a Il Messaggero la Lombardi ha detto no a una seconda candidatura di Virginia Raggi come sindaco di Roma. Il motivo? "Le regole del M5S parlano di due mandati e la Raggi è arrivata alla fine del secondo", ha detto Lombardi.

Le regole in questo caso salverebbero il partito, in questo momento senza un capo politico, da una seconda ricandidatura della Raggi alla guida del Campidoglio.

L’ironia di Virginia Raggi sulla sua ricandidatura come sindaco

Virginia Raggi fa dell’ironia sulla prospettiva di una candidatura nella speranza, forse remota, di essere rieletta sindaco di Roma Capitale.

Ironia affidata ai social:

Per realizzare tutto ciò la Raggi ha tempo solo fino alla prima metà del 2021, quando i cittadini di Roma saranno chiamati a scegliersi un nuovo sindaco.

A Roma il M5s si presenterà con il Pd

La Lombardi ha già proposto che il M5s a Roma corra con il Pd e una costellazione di liste civiche per raccogliere voti. Come a livello nazionale, si vorrebbe quindi applicare anche alle elezioni comunali nella Capitale il modello di governo Pd-M5s.

Un modello che in Umbria non ha dato i frutti sperati, mentre in Emilia-Romagna la scelta di correre ciascuno per la sua strada ha mostrato la rotta, forse corretta per il futuro.

Correlati:

Virginia Raggi caccia gli ‘urtisti’ da Fontana Trevi
Meloni sindaca di Roma Capitale: i sondaggi la danno preferita a Virginia Raggi
Segretaria Virginia Raggi: ‘Sport preferito romani è lamentarsi. Dovete farvi seguire da uno bravo’
Tags:
Virginia Raggi
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook