10:39 03 Aprile 2020
Politica
URL abbreviato
205
Seguici su

Vito Crimi si pone al di sopra dei toni accesi di Matteo Renzi di questi giorni, mentre agli altri alleati di governo chiede lealtà. Oggi il M5s è in piazza per dire no ai vitalizi.

Parla il reggente del M5s Vito Crimi intervistato da Sky Tg24, nel giorno in cui il Movimento si riunisce in piazza a Roma per difendere la norma antivitalizi.

Sul dopo Conte Crimi ribadisce: “Al momento non ci sono alternative a un governo Conte”.

E sula bagarre settimanale creata da Renzi sulla prescrizione, Crimi risponde:

“In queste settimane come Movimento 5 stelle abbiamo preferito lavorare sulle cose da fare anziché farci trascinare da polemiche e provocazioni. Non abbiamo voluto alzare i toni nei confronti di Italia Viva, perché bastano già i loro toni”.

Ed alla domanda se questo governo cadrà sul nodo giustizia, il reggente del M5s risponde:

“Se c’è il rischio che il governo cada sulla giustizia? No. Ma alle altre forze politiche che sostengono il governo chiediamo chiarezza e lealtà”.

Il lupo perde il pelo ma non il vitalizio

Con questo slogan è in corso a Roma la manifestazione del Movimento 5 stelle contro la richiesta da parte di alcuni ex parlamentari di poter riottenere il vitalizio che gli è stato tolto dalla legge del M5s.

Sono 2154 gli ex deputati e senatori che hanno fatto ricorso contro la legge identitaria del M5s.

Per l’autodichia, la presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati ha nominato una commissione apposita che dovrà valutare la richiesta degli ex senatori.

Ma i grillini denunciano che in quella commissione, a decidere, ci sono anche personaggi che il vitalizio lo ricevevano e quindi si tratterebbe di conflitto d’interesse.

Correlati:

Elezioni Regionali, Vito Crimi: ‘Il M5s non è morto’
Vito Crimi e caso Gregoretti: ‘da Salvini solo fughe e menzogne’
Tags:
Movimento 5 Stelle, M5S
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook