02:31 30 Marzo 2020
Politica
URL abbreviato
163
Seguici su

Il Lodo Conte Bis trasforma il cittadino in un imputato a vita e per questo è incostituzionale. Italia Viva sarà conseguente e non voterà la riforma. Lo ha detto Matteo Renzi ad Agorà.

"Il lodo Conte è incostituzionale come spiegano gli esperti, e noi saremo conseguenti con l'impegno a non votare questa norma", lo ha dichiarato il leader di Italia Viva ad Agorà. Matteo Renzi non molla sulla riforma della giustizia di Bonafede, voluta dal M5S. Una riforma che mette in discussione l'istituto giuridico della prescrizione. 

"Non si possono prendere in giro i cittadini e non si possono trasformare i cittadini in imputati a vita. Sulla prescrizione noi non molliamo" prosegue Renzi, aggiungendo di essere convinto che " ci voglia buonsenso e sono convinto che il buonsenso tornerà".

La mozione di sfiducia a Bonafede

Resta aperta la possibilità di presentare una mozione di sfiducia al Guardasigilli, Alfonso Bonafede. "Non è una opzione scartata da Iv - avverte - La verificheremo in base a quello che farà il ministro”.

Nelle scorse ore Renzi aveva dichiarato che qualora venisse presentato un decreto o un emendamento sulla prescrizione, Italia Viva potrebbero chiedere la sfiducia per il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, aprendo di fatto una crisi di governo. Lo aveva scritto il leader di Iv in un post di Facebook. 

Il Lodo Conte-bis 

Il lodo Conte-bis interviene sul meccanismo della prescrizione e si inserisce nella più ampia riforma del processo penale.

Come spiegato dal ministro Bonafede, dopo la sentenza di primo grado, è prevista una distinzione tra assolti e condannati. Per i condannati c’è l’interruzione della prescrizione. Quindi per i condannati non c’è più la possibilità che ci sia la prescrizione in appello. Per gli assolti, invece, avviene una sospensione breve per garantire un tetto e consentire lo svolgimento del processo di appello.

Per quanto riguarda il secondo grado, se dopo il processo di appello chi era stato condannato in primo grado viene assolto, questi recupera i termini di prescrizione. Anche se assolto, ci sarà una sospensione breve della prescrizione per consentire l’impugnazione in Cassazione

Tags:
Matteo Renzi, Giustizia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook