00:14 29 Novembre 2020
Politica
URL abbreviato
340
Seguici su

Nel suo discorso al Congresso il presidente americano Donald Trump ha affermato di ambire a porre fine al conflitto militare più lungo in cui sono coinvolti gli Stati Uniti: la guerra in Afghanistan.

"Non ucciderò centinaia di migliaia di persone in Afghanistan, molte delle quali innocenti. Inoltre non siamo obbligati ad aiutare altri Paesi in qualità di forze di sicurezza. Sono i migliori militari del mondo orientati a vincere o non andare affatto in una guerra", ha detto Trump nella sua lettera al Congresso sullo stato dell'Unione.

"Stiamo lavorando per porre fine alla più lunga guerra americana e riportare a casa le nostre truppe", ha dichiarato l'inquilino della Casa Bianca.

I negoziati per l'Afghanistan 

Trump vuole finire il più presto possibile la guerra in Afghanistan
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
Le trattative tra USA e Talebani per un cessate il fuoco in Afghanistan vanno avanti da mesi e, nello scorso mese di settembre, si era quasi giunti sul punto di portare ad un accordo storico, che avrebbe potuto portare al ritiro delle forze americane dall'Afghanistan dopo 18 anni di guerra.

Tuttavia, i negoziati erano stati bruscamente interrotti dal presidente Trump che, nel settembre 2019, che le aveva dichiarate morte dopo l'attentato che aveva portato alla morte di un militare americano a Kabul.

Dopo quasi tre mesi di silenzio, tuttavia, il Tycoon ha nuovamente acceso i riflettori sull'Afghanistan, visitando il contingente USA stanziato nel paese in occasione del giorno del Ringraziamento e annunciando che i talebani avevano ripreso i contatti per arrivare ad un accordo.

L'annuncio della ripresa ufficiale dei colloqui è poi effettivamente arrivato lo scorso 7 di dicembre e ad esso hanno fatto seguito una serie di attentati che hanno preso di mira gli effettivi dell'esercito regolare afghano e una base militare Nato.

Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Guerra, Afghanistan, USA, Donald Trump
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook