20:21 07 Aprile 2020
Politica
URL abbreviato
6318
Seguici su

Il Tribunale di Palermo ha inviato una richiesta di autorizzazione a processare il leader leghista per la vicenda della Open Arms dell'agosto 2019.

"Mi è arrivata un’altra richiesta di processo perché ad agosto ho bloccato lo sbarco di clandestini dalla nave di una ONG spagnola. Ormai le provano tutte per fermare me e impaurire voi: vi prometto che non mollo e non mollerò, mai!!!". Lo ha detto Matteo Salvini sul suo profilo facebook.

La notifica riguarda il caso della Open Arms, la nave della Ong ProActiva che rimase bloccata per 19 giorni al largo di Lampedusa con 134 persone a bordo, perché il Viminale non autorizzava lo sbarco. 

All'ex ministro degli Interni, il tribunale dei ministri di Palermo contesta i reati di sequestro di persona e omissione e ha chiesto al Senato l'autorizzazione a procedere a giudizio.

Si tratta della terza richiesta di rinvio a giudizio per Matteo Salvini, per tre casi tutti simili fra loro: Diciotti, Gregoretti e adesso Open Arms.

Lo scorso novembre 2019 la Procura di Palermo ha trasmesso al Tribunale dei ministri il fascicolo a carico di Matteo Salvini,  per procedere con le indagini preliminari per la mancata concessione del POS alla nave Open Arms e, scrive il procuratore Francesco Lo Voi, "della conseguente privazione della libertà personale in pregiudizio di numerosi migranti giunti nelle acque di Lampedusa".

Nel provvedimento i giudici accolgono le indicazioni dei pm palermitani, affermano l'obbligo di prestare soccorso in mare e definiscono "amministrativo" l'atto con cui il Viminale aveva vietato l'approdo alla nave della ong. 

Intanto il 12 febbraio, il Senato prenderà una decisione sul caso Gregoretti. 

Tags:
Migranti, ONG, Matteo Salvini, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook