08:48 10 Aprile 2020
Politica
URL abbreviato
474
Seguici su

Secondo i sondaggi politici, gli italiani credono in maggioranza che l'esperienza politica del Movimento 5 stelle si sia esaurita. Ecco i risultati con gli errori di Salvini e i problemi per Conte.

A DiMartedì, il programma televisivo di La7, Ipsos presenta i risultati del sondaggio politico post elezioni regionali con cui prova a capire cosa pensano gli italiani della situazione politica nazionale attuale.

Secondo il 54% degli intervistati il M5s “ha dimostrato di essere finito” dopo i risultati delle regionali, ma va detto anche che il 42% ritiene che questo sia solo un momento di crisi e che presto potrebbe riprendere molti dei suoi consensi persi in questa tornata elettorale regionale.

Cosa pensano gli italiani della sconfitta di Salvini

Lo stesso sondaggio politico ha chiesto agli intervistati di esprimersi sulla sconfitta di Matteo Salvini alle regionali in Emilia-Romagna.

Per il 47% degli intervistati si è trattato di una normale sconfitta che non scardina la leadership di Salvini, mentre il 40% ritiene che questo sia un secondo colpo alla sua leadership dopo la scelta di lasciare il Governo gialloverde.

Tra gli errori che Salvini avrebbe fatto e che lo avrebbero portato alla sconfitta, secondo il sondaggio, ci sarebbero il tono e il modo usato durante la campagna elettorale (25%), il troppo peso nazionale dato a un voto che riguardava solo le regioni (13%), la scelta di una candidata troppo debole come figura (11%).ù

La tenuta del governo Conte bis

Il sondaggio politico Ipsos presentato a DiMartedì, ha chiesto agli italiani chi potrebbe creare ora i maggiori problemi al governo Conte bis. Secondo il 35% degli intervistati è Matteo Salvini il principale guastatore che proseguirà a incalzare Conte. Per il 32%, invece, è Matteo Renzi il principale problema di Giuseppe Conte, mentre il 15% crede che possa essere proprio il M5s il problema principale per la tenuta dell’attuale governo.

Tags:
Sondaggio
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook