20:25 25 Febbraio 2020
Politica
URL abbreviato
519
Seguici su

Renato Brunetta organizza il terzo governo della XVIII Legislatura e pensa di invitare anche Renzi e gli scappati dal Movimento 5 stelle per fare numero. Un centrodestra allargato, solo suggestione?

Non chiamateli giochi di palazzo per carità, si schernisce Renato Brunetta (FI), ma intanto prova ad organizzare uno strano governo di centrodestra allargato a Matteo Renzi e ai fuori usciti dal Movimento 5 stelle.

Si è fatto bene i conti l’ex ministro che ha dato filo da torcere ai dipendenti del pubblico impiego che non volevano lavorare quand’era ministro della P.A e dell’Innovazione. Il centrodestra ha 275/280 deputati alla Camera e ne basterebbero altri 45 per organizzare, in una notte, il terzo governo della XVIII legislatura della Repubblica Italiana, cioè tre in meno di tre anni di governo, forse anche un record nella breve storia della Repubblica che di governi ne ha già visti tanti, ma davvero tanti.

E Brunetta ne è convinto, questi non sono “giochi di Palazzo” dice, durante l'intervista concessa a La Repubblica, perché la maggioranza degli italiani vuole il centrodestra al governo, e qui Brunetta fa riferimento alle elezioni regionali in Calabria dove il suo partito, FI, è risorto dalle ceneri come la Fenice araba.

Dopo l’intervista a Silvio Berlusconi rilasciata al Corriere della Sera, in cui il Cavaliere rivendica il ruolo di primo piano che Forza Italia meriterebbe nell’alleanza di centrodestra, ecco arrivare anche la proposta forzista di costituire un governo con Renzi che darebbe vita a una sorta di ‘Patto del Nazareno bis’ in salsa verdegialla, che ingloberebbe quindi la Lega e i grillini fuoriusciti oltre a Fdi.

Tuttavia la suggestione di Brunetta non ha fatto i conti con gli alleati di governo. Difficile che Salvini possa posare nella foto di rito di un ipotetico terzo governo, con Renzi. E molto probabilmente neppure Giorgia Meloni sarebbe disposta a farlo.

Tags:
Renato Brunetta
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook