12:37 07 Giugno 2020
Politica
URL abbreviato
1211
Seguici su

L'agenzia di sicurezza interna della Polonia (Agencja Bezpieczeństwa Wewnętrznego, Abw) si sta preparando ad affrontare "l'intervento" russo nelle elezioni, si afferma in un articolo pubblicato dal bollettino ufficiale dell'Abw.

L'autore dell'articolo afferma che la Russia avrebbe interferito nelle elezioni presidenziali statunitensi nel 2016 per "destabilizzare il Paese" e "indebolire la posizione internazionale degli Stati Uniti". Mosca ha ripetutamente respinto tali accuse.

L'articolo afferma inoltre che Mosca con questo "intervento" ha cercato di "minare l'integrità e l'efficacia della Nato e indebolire la coesione dell'Unione Europea".

Per combattere la presunta ingerenza russa, la pubblicazione offre "corsi di formazione ai partiti politici, membri degli staff elettorali e delle commissioni elettorali, nonché volontari a livello centrale e locale e propone di effettuare analisi continue dello spazio informativo polacco e straniero".

Inoltre si propone di condurre la formazione tra i "gruppi sociali più vulnerabili alle conseguenze delle operazioni psicologiche della guerra d'informazione".

La notizia arriva sullo sfondo della recente disputa storica tra Mosca e Varsavia sulle responsabilità e sugli avvenimenti della Seconda Guerra Mondiale.

In Polonia il prossimo appuntamento elettorale saranno le elezioni presidenziali. Si dovrebbero svolgere la prossima primavera, ma non sono ancora state indette ufficialmente.

Reazione di Mosca alle accuse di ingerenza

In precedenza il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, parlando della presunta interferenza russa nelle elezioni di diversi Paesi, ha affermato che non esistono prove concrete che dimostrino questa tesi. Il rappresentante permanente della Russia presso la Ue Vladimir Chizhov ha dichiarato che Mosca non è intervenuta e non interferirà nelle elezioni e in altri processi politici interni nell'Unione Europea.

Tags:
Russofobia, elezioni presidenziali, Russia, Polonia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook